Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Pollinefest: torna il Festival di Matutateatro per le nuove generazioni

Mag 14, 2019 Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Torna a Sezze l’appuntamento primaverile ideato da Matutateatro e dedicato ai giovanti talenti del teatro contemporaneo italiano. Dal 16 al 19 maggio il MAT Spazio Teatro di Sezze (in via San Carlo 160) sarà il palcoscenico di PollineFest, un festival nazionale interamente dedicato alle nuove generazioni teatrali, inserito nell'iniziativa sostenuta dalla Regione Lazio “Matutateatro Officina Culturale dei Monti Lepini”.  «Siamo giunti al quarto anno di Polline» spiega Alessandro Balestrieri (Matutateatro), curatore del festival. «Dopo le prime due edizioni in cui era una rassegna teatrale, dallo scorso anno è diventato un festival che vuole concentrare il meglio delle “primavere teatrali” in quattro giorni consecutivi di spettacoli e incontri, concentrati nella sala del MAT Spazio Teatro, il nostro piccolo teatro, un luogo di frontiera che, nonostante le modeste dimensioni, negli ultimi anni ha visto passare il meglio della scena contemporanea italiana, e in altri luoghi del centro storico di Sezze». PollineFest si sta affermando come un importante palcoscenico per diverse compagnie emergenti provenienti da tutta Italia che contribuiscono a creare un'occasione di incontro, di scambio ma anche di riflessione sulla drammaturgia italiana contemporanea. «Fondamentali per noi sono le partnership avviate con altre realtà simili del panorama teatrale nazionale, come Strabismi Festival (Foligno), Inventaria (Roma), Teatro Argot Studio (Roma), CastellinAria (Alvito, Frosinone) e Dominio Pubblico. Importante anche la collaborazione con Fatti di teatro, una tra le più importanti realtà di critica e promozione teatrale attualmente presenti in Italia, che è social media partner del festival. Grazie a queste collaborazioni, accanto agli spettacoli, ci saranno anche momenti di riflessione, come una tavola rotonda sulla drammaturgia contemporanea emergente e un approfondimento dedicato al teatro sulla via Francigena» prosegue Balestrieri. Massima attenzione ai giovani anche in termini di pubblico con biglietti d’ingresso agli spettacoli dal costo contenuto, tra gli 8 e i 5 euro, per permettere a quanti più giovani possibile di seguire il festival senza particolari sforzi economici.

Etichettato sotto sezze    Matutateatro    Pollinefest   
Pubblicato in Eventi Culturali

Articoli correlati (da tag)

  • Domenica si vota per le europee, ma la campagna elettorale è stata inesistente

     

    Domenica 26 maggio dalle 7 alle 23 si terranno le votazioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Sono 15 le liste dei candidati per il parlamento europeo spettanti all’Italia. Anche gli elettori setini si recheranno alle urne, sono poco meno di 20 mila gli aventi diritto al voto. Sarà sicuramente una impressione personale ma il passaggio di queste elezioni europee anche a Sezze è stato particolarmente blando, quasi inesistente, con pochissime presentazioni, un paio di manifestazioni e manifesti e tanta propaganda sui social network. I primi ad essere distanti dalla politica ancora una volta non sono stati i cittadini ma gli stessi rappresentanti istituzionali e politici, che poco o nulla, anche in questa circostanza, hanno dato alla città in termini di campagna elettorale e quindi programmi, proposte etc etc. Il solco tra la comunità e la politica è sempre più grande e profondo, e quello scollamento nella società è purtroppo sempre più evidente e drammatico. I tempi sono cambiati velocemente e non esistono più le cosiddette truppe cammellate, che con i paraocchi ubbidivano agli ordini di scuderia. Oggi la politica nasce e muore sui social, su Facebook, su whatsApp. Sono spariti i comizi di piazza, è tutto veloce, breve e superficiale. Il paradosso è che alla fine in molti andranno alle urne ed è importante e giusto che sia così ma lo faranno solo per senso civico, non sapendo una sola virgola di programmi e candidati.

     

  • Sospesi i lavori al Belvedere di Santa Maria. Avviate verifiche dell'Ufficio Tecnico

     

    Il funzionario PO dell'Ufficio Tecnico comunale ha ordinato nel pomeriggio di oggi la sospensione dei lavori al belvedere di Santa Maria di Sezze. L'ordinanza del settore tecnico n° 6 della giornata odierna è stata firmata a seguito dell'accesso agli atti della Consigliera Comunale Rita Palombi nel quale si evidenziano presunte incongruenze relative sia alle procedure amministrative che ai pareri assentiti. Nell'ordinanza di sospensione del monumento di San Lidano commissionato da Don Massimiliano Di Pastina si rileva che "i rilievi attengono sostanzialmente l’iter procedurale atteso che i lavori sono eseguiti su area appartenente al patrimonio del Comune di Sezze sulla base della C.I.L.A. che costituisce, di norma, un titolo per interventi di natura privatistica". Si tratterebbe insomma di un'opera privata su suolo pubblico. Il Funzionario Vincenzo Borrelli "ritenuto quindi sussistere l'esigenza di un approfondimento in ordine agli aspetti che riguardano l'iter procedimentale e più in particolare l'iter di formazione del titolo sulla base dei quali sono in corso di realizzazione i lavori di cui trattasi" ha disposto "l’immediata sospensione dei lavori per meglio verificare, ponderare ed emettere, entro 45 giorni dalla data della presente ordinanza, provvedimenti definitivi". 

     

  • Un pomeriggio con le mamme, il Cif di Sezze ricorda la cara Paola Pasqualucci

     

    “Un pomeriggio con le mamme" è il titolo dell'evento organizzato dal Cif di Sezze e dedicato alla dott.ssa Paola Pasqualucci che si è svolto lo scorso sabato presso il Teatro Costa di Sezze. Un giorno di maggio insolito perché uggioso e fresco come un malinconico pomeriggio d'autunno ma con uno spirito arricchito dalla egregia organizzazione del comitato delle donne del Cif che vede l'instancabile e brillante Presidente Alessandra Galanti alle prese di un'associazione che riserva sempre grandi sorprese.
    La finalità dell'evento si è concentrata sulla raccolta fondi per sostenere l'associazione Onlus “Il giardino dei Sogni". Con il ricavato dell'evento,  i ragazzi dell’associazione, potranno trascorrere due settimane al mare, così come si legge in una mail inviata dalla presidente nazionale del Cif, la teologa Renata Micheli la quale ringrazia di cuore le componenti del Cif setino elogiando  l’importante lavoro svolto dalla sezione locale. Non manca all'appello nemmeno il messaggio della Presidente Regionale del Cif, Marita Ricagni che in una nota inviata alla Presidente di Sezione, ringrazia tutti e si scusa per non aver potuto partecipare all'evento. Nel messaggio si legge l'invito a continuare a volare alto perché “solo chi sogna impara a volare".  L'evento si è svolto in due momenti presentati da Donatella Cotesta. Durante la prima parte si è esibita la ASD ritmicando di Sezze con diverse coreografie delle allieve della scuola che hanno arricchito il palcoscenico di brillanti colori e freschi sorrisi. La seconda parte si è svolta con la coinvolgente esibizione del concerto del Trio dei due Mondi composto dai due tenori Eusebio Consoli e Antonio de Asmundis mentre al pianoforte M° Nicola Franco, con la partecipazione delle poetesse Isabella Battaglia e Sandra Borgioni. Uno dei momenti più belli ed emozionanti è stata l'interpretazione del pezzo dal titolo “mamma" e dietro quelle note, tutto il pubblico ha cantato con trasporto pronunciando il ritornello “mamma, solo per te la mia canzone vola". Lo spettacolo ha ottenuto il patrocinio del comune di Sezze e a rappresentare l'amministrazione c'erano tre assessori e diversi esponenti del consiglio comunale.

  • Lavori al Belvedere di Santa Maria. Il consigliere Palombi denuncia incongruenze amministrative

     

    Proseguono spediti i lavori di realizzazione del monumento di San Lidano sul belvedere di Sezze. In Piazza Santa Maria si lavora anche sotto la pioggia perché come da programma i lavori devono essere completati entro il 30 giugno, prima della Festa dei Santi Patroni. I lavori continuano nonostante la richiesta di “ritirare attraverso gli uffici competenti e gli organi di Polizia municipale, in autotutela, il permesso concesso per la realizzazione del monumento” fatta dal comitato spontaneo “Muro della tèra”, richiesta inviata a tutti i rappresentanti istituzionali della città e al Prefetto di Latina. Qualcosa però inizia a muoversi. Il consigliere comunale e provinciale Rita Palombi, dopo le deludenti risposte del sindaco Di Raimo al question time, ieri ha effettuato un accesso agli atti visionando presso l’ufficio tecnico comunale tutto il fascicolo dell’opera in fase di realizzazione. “Da una approfondita visione degli atti, la sottoscritta - scrive la Palombi - rileva una molteplicità di incongruenze relative sia alle procedure amministrative in essere, sia ai pareri rilasciati in merito all’installazione della suddetta statua e dei lavori che risulterebbero essere di titolarità privata su suolo pubblico. Tale incongruità determinerebbe l’illegittimità di tutti gli atti di assenso relativi ai lavori di cui in oggetto e dell’intera procedura amministrativa”. Ci sarebbero quindi delle incongruenze che potrebbero determinare delle illegittimità. Per tale ragione Rita Palombi ha chiesto un intervento di urgenza da parte degli uffici di competenza affinché “vengano sospesi i lavori e ripristinato lo stato dei luoghi”, di “annullare tutti gli atti amministrativi in autotutela e di convocare urgentemente la Commissione Trasparenza Amministrativa per approfondire l’iter relativo a tutti i provvedimenti adottati”. Vedremo come andrà a finire. E’ certo e va chiarito una volta per tutte che questa battaglia non è contro qualcosa o qualcuno ma solo a favore e a tutela di un bene pubblico.

     

  • Sezze, Circolare fuori strada a Crocemoschitto: sola tanta paura e per fortuna nessun ferito

     

    Sola tanta paura e fortunatamente nessun ferito a bordo. Questa mattina una circolare del trasporto pubblico comunale che trasportava alunni e residenti è uscita fuori strada in via Certosa in località Crocemoschitto a Sezze. Il mezzo è uscito dalla corsia per il manto viscido e si è adagiato sulla banchina probabilmente a causa del cedimento del bordo stradale, bravo è stato l'autista Filiberto ad  accompagnare il mezzo delicatamente senza nulla far accorgere ai passeggeri. Quel tratto di strada comunque è praticamente impercorribile e pericoloso per le condizioni in cui si trova da tempo. In quel momento sulla Circolare della Concessionaria del Comune di Sezze vi erano alunni e residenti del posto ma per fortuna nessuno ha riportato ferite.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.