Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Bibliomusicando: successo e soddisfazioni nel saggio di fine anno

Giu 05, 2019 Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Tanta emozione e soddisfazione da parte di tutti. Si è conclusa ieri pomeriggio, con un bellissimo saggio, la VII Edizione di “Bibliomusicando”, il progetto ideato e curato dalla biblioteca comunale di Sezze Scalo in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Valerio Flacco”. Un progetto didattico che gode del patrocinio del Comune di Sezze, della Provincia di Latina e della Regione Lazio. I piccoli allievi si sono esibiti nella bella cornice dell’auditorium comunale San Michele Arcangelo di Sezze, dando brillante dimostrazione delle loro qualità artistiche, del loro talento, della passione per la musica e di quanto hanno appreso durante l’anno scolastico appena concluso. Si tratta di un progetto didattico volto all’apprendimento della cultura musicale attraverso percorsi propedeutici e soprattutto di musica d’insieme. Diverse le esibizioni: dal pianoforte, al violino, alla batteria, alla chitarra e alla musica d’insieme. Soddisfatti gli insegnati che hanno seguito i corsi: Roberta Coccia per il pianoforte, Valentina Malandruccolo per il violino, Alessandro Di Lenola per la propedeutica musicale, Mirko Zanotti per la chitarra e Tony Proia per la batteria. Orgogliosa dei risultati raggiunti la coordinatrice del progetto Loredina Macera e la dirigente della Valerio Flacco Carolina Gargiulo.  Emozionati e già pronti per l'ottava edizione del prossimo anno tutti gli allievi che hanno aderito al progetto.

Etichettato sotto sezze    bibliomusicando    scuola valerio flacco   
Pubblicato in Eventi Culturali
Ultima modifica il Mercoledì, 05 Giugno 2019 08:26 Letto 196 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Il sindaco Di Raimo rompe il silenzio: sulla statua di San Lidano ci sarà una votazione in aula

     

    Non si fa attendere la risposta del sindaco di Sezze, Sergio Di Raimo, in merito alla denuncia di mancata democrazia da parte della maggioranza del consiglio comunale di Sezze sui lavori al belvedere, una denuncia lanciata dal consigliere comunale di opposizione Rita Palombi. Il sindaco rompe il silenzio e spiega i futuri passaggi che porteranno l'opera in aula, dove ci sarà una discussione approfondita e poi una votazione. Ecco le parole del primo cittadino: "La maggioranza consigliare non ha nessuna volontà di sottrarsi a discussioni pubbliche; non lo ha mai fatto e non lo farà. Sul tema statua e belvedere ci sono diverse posizioni: chi cavalca quel poco di dissenso, chi sarebbe capace di stare dentro al comitato contro la statua e contemporaneamente dentro a quello a favore, c'è chi ignora le cose e si fa solo trasportare. Certamente ci sono anche quelle persone che in modo convinto pensano che quella statua possa far venir meno la memoria storica di quel luogo. Ma qual è la motivazione per cui la maggioranza non si è presentata salvo il Presidente del consiglio che doveva presiedere? La Conferenza dei servizi riunitasi per capire il percorso amministrativo da seguire per l'installazione della statua ha detto chiaramente che l’accettazione della donazione della Statua deve essere fatta in consiglio comunale. Questo significa che dovrà essere convocato un consiglio comunale con all'ordine del giorno la donazione della statua e sarà in quella occasione che se ne potrà parlare a 360 gradi e a fine discussione si potrà votare a favore o contro. Tutto il resto sono passaggi intermedi che non servono se non a far avere un pò di vetrina a chi sente il desiderio di averla. Poi, pensare di additare i consiglieri comunali che non si sono presentati richiamando il grande valore della democrazia che verrebbe meno è da ipocriti. La consigliera di opposizione che per ben due anni è uscita dall'aula ad ogni votazione e quindi non ha votato il 99 per cento degli atti passati in consiglio pensa veramente di essere rispettosa delle centinaia di cittadini che l’hanno votata? Parla della democrazia come potere esercitato dal popolo tramite i suoi rappresentanti eletti liberamente...ma come li rappresenta se non vota mai? Faccia la consigliera fino in fondo".

     

  • Mancata democrazia in aula consiliare. I lavori sul belvedere entrano nella storia setina

     

    "A nome dell'intero Consiglio Comunale, chiedo scusa alla città ed ai cittadini presenti in aula consiliare per la totale assenza dei colleghi di maggioranza e del Sindaco compreso. Questo spettacolo paradossale e raccapricciante è il segno della totale assenza del dibattito nell'aula della massima assise consiliare su argomenti di grande rilevanza pubblica. Questa, a mio modesto avviso, si chiama mancata democrazia!". Il consigliere comunale di Sezze Bene Comune, Rita Palombi, commenta così la seconda seduta del consiglio comunale andata deserta. A memoria non era mai accaduto nella storia della città che un’aula consigliare venisse disertata per due volte consecutive. Presenti solo Enzo Eramo presidente del Consiglio e i consiglieri Paride Martella, Serafino Di Palma, Giovan Battista Moraldo, Eleonora Contento e Rita Palombi. L'oggetto della discussione gli ormai noti lavori sul belvedere e l'installazione della statua di San Lidano commissionata dal Don Massimiliano Di Pastina. I lavori sospesi da 25 giorni dopo una ordinanza emessa dall'ufficio tecnico per sospette incongruenze procedurali sono ancora nel limbo, si è in attesa del parere definitivo dell'ufficio competente. Alla Palombi fa eco Vittorio Accapezzato, ex amministratore della città, del comitato in difesa del belvedere "Muro della tèra". "Anche oggi del 14 giugno la seduta straordinaria del Consiglio Comunale è andata a vuoto. Avrebbe dovuto trattare l’argomento relativo all’installazione, presso il belvedere di Santa Maria, dalla statua del Santo compatrono della città San Lidano d’Antena. Avrebbero dovuto dare risposte alle osservazioni promosse dalla consigliera Rita Palombi che unitamente alla collega Contento e al gruppo di minoranza BiancoLeone, Martella, Moraldo e di Palma avevano presentato richiesta di un consiglio comunale specifico. Come anticipato dai rumori della vigilia, il consiglio comunale straordinario convocato non è nemmeno cominciato. Una situazione quasi irrazionale, quella creatasi in aula consiliare. Per la seconda volta il consiglio nemmeno inizia - afferma Accapezzato -  a memoria di molti il primo caso in città di consiglio comunale che nemmeno inizia per la totale assenza della forza di maggioranza. L’accaduto resta nella storia locale per la mancanza di sensibilità e totale assenza di democrazia partecipata. La maggioranza consiliare ha deciso di venire meno al mandato elettorale ricevuto, facendo affondare ancora una volta l’assemblea cittadina senza giustificare l’assenza. È un atto che reca offesa ai presenti e registra una volontà incurante dei problemi e amplifica le spaccature tra il popolo e i suoi rappresentanti. È un’amministrazione che "se la canta e se la suona".

  • Controllo coordinato del territorio dei Carabinieri a Latina, Sezze, Pontinia e Sabaudia

    I carabinieri delle stazioni territorialmente competenti, coadiuvati dalla squadra operativa di supporto (s.o.s.) dell’8^ rgt Lazio, eseguivano dal 06 giugno 2019 al 10 giugno 2019 servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato a rafforzare la vigilanza nel centro cittadino, nei luoghi di aggregazione e localita’ di villeggiatura, deferivano in stato di libertà alla competente a.g. per “detenzione di sostanze stupefacenti” un 46enne di Pontinia, lo stesso è stato sorpreso in possesso di grammi 1,3 di sostanza stupefacente tipo cocaina.  Nel medesimo contesto venivano segnalate all’autorità amministrativa un 19enne di Sabaudia ed un 46enne di Latina trovati in possesso rispettivamente di grammi 1 di marijuana il primo e di 5 semi di canapa indiana e grammi 1 di hashish il secondo.

    Inoltre, durante il controllo alla circolazione stradale, venivano:

    • fermate ed identificate n. 120 persone;
    • controllati n. 85 mezzi;
    • elevate n. 16 contravvenzioni al c.d.s.;
    • ritirata n. 5 patentI;
    • eseguite 12 perquisizioni personali;
    • eseguite 6 perquisizionI domiciliarI.

    Contestualmente, i Carabinieri della  sezione radiomobile di Latina, nel corso di un servizio di controllo del territorio, deferivano stato libertà alla competente a.g. :

    • un 52enne di latina per il reato di “violazione obblighi inerenti veicoli sottoposti a sequestro”;
    • un 49enne di nettuno per il reato di “guida in stato di ebbrezza alcolica e stupefacenti”;
    • un 56enne di san felice circeo per il reato di “guida in stato di ebbrezza alcolica”
    • un 23enne di latina per il reato di “porto abusivo di arma bianca”;
    • un 28enne di latina per il reato di “uso di sigillo contraffatto, uso di atto falso, ricettazione, guida senza patente”;
    • un 40enne di latina per il reato di “false attestazioni a p.u”;

    Inoltre, durante il controllo alla circolazione stradale, venivano:

    • fermate ed identificate n. 96 persone;
    • controllati n.75 mezzi;
    • elevate n. 9 contravvenzioni al c.d.s.;
    • ritirate n. 6 patenti;
    • ritirate n. 4 carte di circolazione;
    • decurtati dalle patenti di guida 75 punti.
  • Vietato sprecare acqua nei mesi estivi: il sindaco firma un'ordinanza. Previste sanzioni fino a 500 euro.

    Il sindaco di Sezze Sergio Di Raimo ha firmato una ordinanza che vieta di utilizzare l’acqua potabile per usi diversi da quello stabilito nel relativo contratto di fornitura. “Durante la stagione estiva – scrive il primo cittadino – si verifica un incremento dei consumi idrici notevolmente superiore alle potenzialità delle sorgenti. L’aumento delle temperature rende concreto il pericolo di una crisi idrica nei prossimi mesi. L’uso indiscriminato della risorsa idrica comporterebbe un grave depauperamento degli acquiferi”. Nella ordinanza sindacale, dunque, il sindaco vieta di utilizzare l’acqua per riempire piscine, irrigare orti e giardini, lavare strade ed altro. E’ vietato inoltre prelevare acqua da fontane pubbliche per usi non diretti ed immediati. Saranno gli agenti della Polizia Locale di Sezze, con tecnici del gestore idrico, a controllare il rispetto dell’ordinanza. Sono previste sanzioni tra 25 e 500 euro per i trasgressori.

  • Il Pd di Sezze cambia pagina: l'obiettivo è tornare tra la gente

     

    Il Partito democratico di Sezze vuole rinascere a nuova vita, o almeno queste sono le intenzioni degli iscritti. I dem setini, dopo una fase di immobilità interna, sono determinati a riprendere un percorso politico di partecipazione popolare. Gli aderenti al partito di Zingaretti hanno avuto già un primo incontro e anche questa sera si ritroveranno faccia a faccia per programmare le attività future del partito. La base del partito vuole ripartire da dove si erano lasciati anni fa, e cioè dai cittadini e dai bisogni della città. Il primo passo è la nomina del nuovo segretario, del presidente, della segreteria e direttivo. Nel frattempo si sta scegliendo una nuova sede, quella che una volta si chiamava sezione, luogo di confronto e partecipazione attiva per tutti. Il partito democratico di Sezze vuole essere da guida e faro anche per il gruppo consigliare, molto spesso disorientato in aula su scelte e decisioni da prendere, ed essere anche punto di riferimento e regia per il sindaco di Sezze.  Hanno aderito al partito democratico anche storici nomi della politica locale setina, disponibili ad offrire esperienze e consigli alla futura classe dirigente del partito.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.