Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Mon Amour, il videoclip che celebra Sabaudia. Tra gli autori un setino Doc

Lug 08, 2019 Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)

 

 

E’ uscito lo scorso 27 giugno "Mon Amour", il singolo con videoclip realizzato da 4 artisti che compongono un collettivo misto di genere Trap sperimentale.  Il video è stato realizzato con Andrea Centrella (autore del videoclip “Sale, amore e vento” dei Tiromancino) ed è stato girato sul lungomare di Sabaudia e ripropone una ri-visitazione del famoso film "Paura e Delirio a Las vegas". Nelle intenzioni degli autori viene celebrato l'aspetto super naturale di Sabaudia, in tutta la sua maestosità e fedeltà nella somiglianza ad un porto sud americano. Nel video non mancano comparse e attori di qualità, come Shaen Barletta che ha partecipato a Don Matteo come co-protagonista in una puntata. I due rapper, un producer e un producer/ingegnere del suono, si sono conosciuti quasi per sbaglio, partendo da un contatto via facebook. Un contatto che è poi cresciuto nel tempo e ha partorito idee geniali. Da qui la ricerca di feat e la realizzazione di una vera e propria collaborazione musicale con Midas e Roman Meister, della Visory Records e Thaurus. Uno di loro è un setino Doc,  Riccardo Romano, alias Roman Meister. Riccardo nasce a Sezze il 7 dicembre del 1991 e manifesta fin da subito il suo amore per la musica calpestando ben bene l'intera collezione di vinile del padre (Ignazio). A otto anni frequenta la scuola comunale di musica e sotto la guida dell'insegnante G. Magliocca studia pianoforte fino a dieci anni. Continua gli studi alle scuole medie per poi abbandonare la nobile tastiera per quella del computer con cui apprende l'uso dei software di produzione musicale. Nel 2007 inizia a lavorare con i CDJ (lettori di CD per dj) facendo le prime esperienze di animatore musicale a feste private. In seguito ha suonato in vari locali della provincia di Latina in attesa di fare il salto verso la capitale. Nel 2011 ha partecipato e vinto i contest invernali e estivi organizzati da Silvio Frainetti nel comune di Pontinia. A dicembre si è esibito al Vogue, tra i più famosi locali di Roma. Insomma... un giovane artista che già fa parlare di sé per il suo talento. Ad majora…  

Etichettato sotto Mon Amour    musica    Sabaudia    sezze    Romano   
Pubblicato in Eventi Culturali
Ultima modifica il Lunedì, 08 Luglio 2019 10:03 Letto 633 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sui Servizi Sociali logiche provinciali e regionali? Nuovo strappo di Calvano

     


    La maggioranza che sostiene il sindaco di Sezze Sergio Di Raimo, dopo il rimpasto di Giunta, torna a esibire tutte le sue fragilità e limiti, con Bernasconi passato ufficialmente in opposizione, Ernesto Di Pastina spesso nel limbo e il consigliere Mauro Calvano sempre più libero da logiche partitiche ed estraneo ad accordicchi presi in altre sedi. Il presidente della commissione consigliare Servizi Sociali, dopo l'attacco ai colleghi di maggioranza, rei di disertare sempre la sua commissione preferendo i riflettori della stampa su temi importanti quali degrado e baby gang, nell'ultimo consiglio comunale ha voluto sferrare un altro duro colpo proprio in merito all'ordine del giorno relativo alla proposta di delibera per la gestione dei servizi sociali in convenzione con altri Comuni. Di Raimo in apertura dei lavori aveva chiesto il ritiro perché non affrontata in commissione consiliare, a conferma che qualche passaggio politico sta sfuggendo di mano, alimentando quindi dubbi che altra politica vuole decidere direttamente su Sezze. Dura la nuova accusa di Mauro Calvano in merito: "La delibera senza il parere propedeutico della commissione non può essere approvata. Questa delibera così come è stata presentata non avrà il mio parere. Il tema affrontato è fondamentale in quanto la Regione Lazio approva linee di indirizzo sui servizi sociali dandoci la facoltà di riappropriarci di quello che è sempre stato un ruolo cardine del Comune di Sezze, ossia di essere Comune capofila rispetto ad altri Comuni. Questa dunque è una scelta che spetta alla politica". Alla luce di questo il consigliere comunale chiede quali siano stati gli interlocutori con i quali è stata discussa la delibera arrivata in aula. "Come si è arrivata alla decisione di ridare nuovamente a Priverno il ruolo di Capofila di un servizio fondamentale e quindi gestire circa 2 milioni di euro? Dato che la risposta non c'è - afferma Calvano - prendo atto che qualcuno vuole decidere per altri. Non mi appartengono le logiche partitiche e di filiere di governo, il mio mandato si ferma ai confini territoriali di Sezze. Quello che succede in ambito provinciali e regionale sui vari equilibri e spostamenti di potere non mi appartiene. Chi ha deciso di riaffidare a Priverno il ruolo di capofila? Nessuno è stato informato di questa delibera e di questa decisione, una decisione che esula dagli uffici competenti".

    Il consigliere comunale Mauro Calvano

  • Sezze, ancora furti. Questa volta è toccato ad una ferramenta del centro storico

     

    Ennesimo furto nella notte a Sezze. Questa volta è toccato ad una attività commerciale del centro, ad una storica ferramenta per esattezza. Ignoti, in piena notte, si sono introdotti nei locali eludendo i sistemi di allarme e una volta dentro, in massima tranquillità, visto e considerato che nessuno si è accorto di nulla, hanno portato via molta merce, per svariati centinaia di euro.  I titolari si sono accorti dell’accaduto solo l’indomani, all’apertura della serranda.  Nelle ultime settimane nel centro storico di Sezze stanno avvenendo furti seriali, sia all’interno di appartamenti che, come in questo caso, presso attività commerciali. La denuncia dei residenti è sempre la stessa: servono maggiori controlli su tutto il territorio. Non è escluso che gli ultimi furti siano stati portati a segno dalla stessa banda di malviventi che nell’ultimo periodo è riuscita a farla franca e che sta facendo aumentare la paura tra i residenti. Le autorità locali hanno il dovere di intervenire e chiedere un potenziamento delle forze dell’ordine.

  • Grave errore accomunare il nazismo al comunismo. L'ANPI interviene sulla Risoluzione del Parlamento Europeo

     

    La sezione di Sezze dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, interviene in merito alla “Risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019 scorso sull'importanza della memoria europea per il futuro dell'Europa”. Per l’ANPI innanzitutto “la Risoluzione commette un ripetuto errore nel confondere termini quali “comunismo”, “stalinismo” e “totalitarismo”, intesi come sinonimi e tutti equiparati al nazismo e nel riportare correttamente il Patto Molotov-Ribbentrop e le conseguenze che esso produsse “omette di riportare anche il ruolo che l’Unione sovietica ebbe, nel corso della Seconda guerra mondiale, con azioni militari autonome e coordinate con gli eserciti di Stati Uniti e Gran Bretagna, nella sconfitta del nazismo”. Il membri dell’associazione setina sostengono che come ebbe modo di dimostrare Hannah Arendt nella sua fondamentale opera Le origini del totalitarismo, “il totalitarismo è fenomeno da non confondere con altre manifestazioni di potere oppressivo come la dittatura o il cesarismo ed esso si è manifestato, nel corso del Novecento, sotto forma di nazismo e di stalinismo. Dunque è corretto associare come forme di totalitarismo il nazismo e lo stalinismo, pur mantenendo chiaro il ruolo avuto dall’Unione sovietica presieduta da Stalin nella sconfitta del nazismo. Non è invece corretto - si legge ancora nella nota dell’ANPI - accomunare il comunismo al nazismo, poiché il nazismo non è l’attuazione storicamente distorta di una ideologia più o meno condivisibile: il nazismo è in se stesso un’ideologia aberrante per i contenuti contrari alla dignità umana. Il comunismo invece, dal punto di vista ideologico, lo si condivida o meno, non contiene elementi antiumani tout court e dunque non va confuso con eventuali sue interpretazioni storiche”. Dunque se “generalizzazioni qualunquistiche le si può leggere, benché con profondo fastidio, sui social o ascoltare negli slogan di forze populiste, duole gravemente doverle leggere in un solenne pronunciamento della massima assise europea, dalla quale ci si aspetterebbe maggiore correttezza nel riferimento ai fatti storici e alle analisi di filosofia politica”. Si chiede, in conclusione, che il Parlamento europeo ammetta “il grave errore compiuto e corregga il proprio pronunciamento”.

  • Il Pd di Sezze riparte da Marchetti. Ascolto e inclusione punti necessari per avere credibilità

     

     

    Il Partito Democratico di Sezze riparte da Daniele Marchetti, psicologo di professione e già coordinatore di zona del partito. Sabato 21 settembre, a partire dalle ore 15 presso il centro sociale “U. Calabresi”, si svolgerà, infatti, il Congresso per l’elezione del Direttivo e del Segretario di circolo. Il coordinamento locale proporrà Marchetti quale guida dei dem setini, punta su un giovane di qualità e disponibile a rilanciare l’azione di un partito che nel corso degli ultimi anni non è stato un partito ma solo una scatola vuota e un cartello elettorale. L’obiettivo principale è quello di ricostruire un rapporto stretto con i cittadini e con i reali bisogni della comunità. Stare tra la gente e ascoltare le loro istanze è il primo passo che il Pd di Sezze deve fare per raccogliere e rilanciare una eredità storica partitica e ideologica che sta scomparendo. Per fare questo si sono resi disponibili storiche figure del partito di Sezze che, in questi mesi, hanno fatto proposte e dato consigli a chi intende prendere le redini del partito. Il direttivo che sarà eletto dovrà rappresentare ogni settore della società ed esprimere quindi esperienze diverse, senza esclusioni e senza pretese. Il Pd di Sezze deve ripartire dal basso con umiltà se vuole ricostruire un legame con i cittadini, e deve farlo guardando agli errori clamorosi che sono stati fatti nel passato senza alcuna giustificazione, evitando di sottovalutare ciò che non è stato in grado di fare e organizzare. Servono nuove leve ma occorre necessariamente anche l’esperienza e la maturità per non commettere altri sbagli. Il Partito Democratico, però, innanzitutto, deve essere il partito dell’inclusione e non dell’esclusione come a molti è apparso negli ultimi tempi, azioni e obiettivi necessari per avere credibilità in futuro.

  • SEZZE: ancora furti in appartamento, serve un piano di controllo

     

    Cresce l’ansia per i residenti del centro storico di Sezze per i furti in appartamento che sono stati denunciati nell’ultimo periodo. Pochi giorni fa un altro topo di appartamento è riuscito a rubare gioielli e monili in una abitazione in via Pitti, la scorsa settimana in via Corradini e l’altra ancora nel quartiere di Santa Maria. Insomma il fenomeno cresce in sordina tra le incessanti richieste di maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine della città. Tutti i furti avvenuti di recente sono stati portati a segno in pieno giorno, alla luce del sole. E ’molto probabile che ci sia una banda di malviventi che agisce senza scrupoli e che osserva i movimenti dei proprietari degli immobili presi di mira. I furti avvengono anche in periferia e nella campagna di Sezze, anche se spesso in questi casi non vengono nemmeno denunciati. L’ordine e la pubblica sicurezza è a capo del primo cittadino, il qualche non dovrebbe sottovalutare il fenomeno e chiedere al comandante della PL maggiori controlli e un piano di sicurezza urbana.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.