Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Premio nazionale “Giacomo Matteotti” al prof. Loffarelli

Nov 08, 2019 Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il momento della consegna

 

 

Giovedì 7 novembre scorso, alle ore 11.00, nel corso di una cerimonia svoltasi a Palazzo Chigi in Roma, Giancarlo Loffarelli, direttore artistico dell’Associazione culturale Le colonne, ha ricevuto la Menzione speciale del Premio nazionale “Giacomo Matteotti”, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, per il testo teatrale ERINNI. Si tratta di un Premio che viene assegnato a opere che “illustrano gli ideali di fratellanza tra i popoli, di libertà e giustizia sociale che hanno ispirato la vita di Giacomo Matteotti”. Lo scorso anno, ERINNI si era aggiudicato il premio nazionale di drammaturgia “Calcante” organizzato dalla Società Italiana Autori Drammatici, ed era stato pubblicato sulla rivista “Ridotto” edita dalla SIAD. Messo in scena dalla Compagnia teatrale Le colonne per la regia dello stesso autore, con Marina Eianti, Emiliano Campoli, Marco Zaccarelli e Luigina Ricci, audio e luci di Armando e Fabio Di Lenola, il testo segue l’andamento di un dramma realistico, a cui non sono estranei riferimenti simbolici e la volontà di individuare una sorta di nemesi storica applicata al privato, con risvolti che richiamano, fin dal titolo, il mito greco e la volontà ineluttabile di una oscura divinità abitata nell’uomo. La vicenda si svolge in vari anni: nel 1938, poi nel ’43, infine nel 2000. La scena unica è una trattoria romana di poche pretese. Nella prima scena una giovane donna - Sara - riceve la visita di un novantenne, Albert, tedesco che ritrova il luogo in cui anni prima era stato e si ferma a mangiare. Vedendo una foto incorniciata, mentre mangia, stramazza al suolo fulminato. Un complesso susseguirsi di eventi, attraverso dei flashback, viene rappresentato dall'inizio alla conclusione della storia in un finale tragico e fulminante.

IL PROF. LOFFARELLI

Giancarlo Loffarelli è drammaturgo, sceneggiatore e regista. Direttore artistico dell'associazione culturale "Le colonne". Nel 2017, con il testo teatrale Stupidi anni! (Vita e morte di Cesare Pavese) ha vinto il Premio letterario internazionale “Lago Gerundo”, nel 2014, ha vinto la 58ª edizione del Premio nazionale di drammaturgia “Vallecorsi” di Pistoia con il dramma Da quali stelle?, sugli ultimi anni di vita di Friedrich Nietzsche. Nel 2011, il suo testo teatrale Etty Hillesum ha vinto il Premio nazionale di drammaturgia “Calcante” organizzato dalla Società Italiana Autori drammatici ed è stato pubblicato sulla rivista “Ridotto”. Con il testo I Lieder di Schumann ha vinto il Premio Nazionale “Giorgio Totola” di Verona. Con il suo testo Un altro uomo ha vinto il Premio Nazionale di teatro “Fondi La Pastora”.

Pubblicato in Eventi Culturali
Ultima modifica il Venerdì, 08 Novembre 2019 07:40 Letto 236 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.