Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

"Malgrado svariate riunioni di maggioranza ancora non riesce a raggiungere segnali di equilibrio per il raggiungimento di questi obiettivi e in particolar modo con gli impegni assunti con i cittadini. Caro sindaco, resta una settimana per confermare o ritirare le tue dimissioni volontarie e non richieste da nessuna forza politica. In questo poco tempo rimasto, pensaci bene se continuare restando a capo di una coalizione solo per galleggiare o proseguire per la realizzazione di programmi ed azioni politiche in grado di sostenere lo sviluppo della nostra Sezze". Vittorio Accapezzato, ex amministratore della città, commenta così quanto sta avvenendo in città dopo la crisi politica aperta il 28 maggio scorso e confermata dalle dimissioni del sindaco. "Tu stesso hai riconosciuto con le dimissioni spontanee, che in questi due anni, è mancata una politica capace di riappropriarsi della sua funzione primaria e cioè quella di prestare ascolto alle esigenze dei cittadini e di migliorare la qualità della vita.Se pensi di continuare il mandato ricevuto dagli elettori non deluderli. Come tu sai, Sezze ha bisogno di un cambiamento radicale e costruttivo partendo da una progettazione puntuale del suo futuro, senza l'approssimazione di questi ultimi anni. Il nuovo cammino dell’amministrazione dovrà operare in sinergia con tutte le Istituzioni, regionali, statali ed europee per poter camminare a passo con i tempi. Sezze crescerà se si opererà per migliorare la vita delle persone sia dal punto di vista sociale che economico. La tua rinnovata conduzione politica dovrà impegnarsi per riportare la città, vivibile che dovrà guardare alle sue radici storiche, suoi beni culturali, le sue bellezze naturali e paesaggistiche, non con nostalgia ma con rinnovato impulso alla line di un reale cambiamento che i cittadini chiedono a fermamente a viva voce. In sintesi la politica dove mettere in campo amministratori funzionanti in grado di offrire servizi efficienti, e tempestivi. Il rinnovato equilibrio amministrativo  - aggiunge - dovrà puntare alla ricerca di risorse con un’azione di risparmio della spesa pubblica e recepimento di sovvenzioni esterne. Devi dare inizio ad una nuova stagione di impegno civile in grado di garantire il rilancio dei nostri settori come l’agricoltura, l’artigianato, il commercio, il turismo, beni architettonici, artistici ed archeologici, la sicurezza, la legalità, e politiche sociali". Per il prof. in pensione il sindaco  Di Raimo deve portare a termine il programma che tutta la coalizione ha sottoscritto, con tutti i punti principali del programma: qualificazione dei servizi amministrativi; riqualificazione del personale; la costituzione di un ufficio unico per la gestione del contenzioso; il proseguimento del processo dì decentramento; l’ottimizzazione delle procedure operative interne agli uffici; la qualità dei servizi della Pubblica Amministrazione; l’adozione delle Carte dei Servizi. Eppoi turismo, agricoltura, politiche sociali  e altro ancora. Insomma... pensaci Sergio.

 

 

 

Pubblicato in Politica
Giovedì, 04 Luglio 2019 10:22

Cori, concerti

Pubblicato in Bacheca Eventi

Il personale operativo dei Vigili del Fuoco del Comando di Latina è intervenuto, nel tardo pomeriggio di ieri, nel Comune di Sermoneta a seguito di una richiesta di aiuto. Tale richiesta fatta da un deltaplanista caduto in una zona impervia nella boscaglia che caratterizza il territorio. In zona si portava la squadra territoriale VVF ma solo grazie al tempestivo intervento del Drago 57 , partito dal reparto volo VVF di Ciampino, si riusciva a localizzare l'uomo, in buono stato, a recuperarlo e trasportarlo, a scopo precauzionale, al Santa Maria Goretti di Latina. Trattasi di un uomo di 59 anni residente in provincia di Roma.

Pubblicato in Cronaca

“Nessun essere #umano è illegale” è lo slogan di una giornata di eventi in programma domani, venerdì 5 luglio 2019, a Sezze per promuovere un dialogo con tutta la cittadinanza sul tema dell’accoglienza dell’altro, del povero, dello straniero. Si parte con incontro pubblico in programma alle 18 all’Auditorium San Michele Arcangelo, organizzato dal Comitato spontaneo “Amici Don Pietro” con la testimonianza di don Pietro Sigurani, parroco della chiesa di Sant’Eustachio, nel centro storico di Roma, che porterà la sua esperienza di accoglienza delle povertà nel contesto in cui opera. “Vogliamo sensibilizzare la cittadinanza di Sezze al tema dell’accoglienza, in un periodo storico in cui domina una cultura di odio e rifiuto di chi è diverso e in difficoltà -  affermano gli organizzatori- Sono molte le forme di povertà sul nostro territorio: per questo riteniamo necessario conoscere e informarsi per maturare un atteggiamento disponibile all’accoglienza, all’incontro, all’aiuto dell’altro. La figura di don Pietro Sigurani, con il suo grande carisma, ci è sembrata la più opportuna per affrontare questi temi con concretezza, alla luce del suo impegno quotidiano per i poveri” aggiungono. Don Pietro Sigurani è stato definito “il prete convertito dai poveri” e nel centro di Roma, a pochi passi dalla sede del Senato, ha allestito una mensa per i poveri proprio dentro la sua chiesa, che ogni giorno offre circa 200 pasti. Nei mesi scorsi, il sacerdote romano è stato minacciato con messaggi anonimi lasciati in parrocchia che reclamavano “la chiesa come casa di Dio e non dei poveri”. Lui però non si è arreso e sta lavorando a nuovi progetti di accoglienza. Inoltre, in polemica con la legge per la legittima difesa e di fronte a molte campagne pubbliche che incitano all’odio, ha promosso una distribuzione di pistole ad acqua fuori dalla parrocchia.

L’iniziativa prosegue con un Flash Mob, in programma alle 20 a Ferro di Cavallo, promosso da Azione Cattolica delle parrocchie di Santa Maria e Santa Lucia, Gruppo Scout Agesci Sezze I e Comunità di Sant’Egidio di Sezze insieme al Comitato spontaneo “Amici Don Pietro”. “Installazioni temporanee, musica, testimonianze dal vivo di migranti che hanno attraversato il mare e ce l’hanno fatta, insieme al racconto di chi purtroppo non ce l’ha fatta, vogliono essere segno visibile e occasione di dialogo con la città su temi di grande attualità, se pensiamo alla vicenda della Sea Watch, ai morti al confine tra Messico e Usa e a migliaia di storie di persone costrette ad emigrare in ogni parte del mondo” spiegano i promotori. Che lanciano l’invito alla cittadinanza: “Tutti sono invitati a partecipare, così da poter riflettere insieme e confrontarci”.

Pubblicato in Attualità