Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

 

 

La Regione Lazio ha revocato la concessione del contributo per il Natale Setino per un ritardo nella rendicontazione. In sostanza i funzionari ei responsabili del procedimento non hanno rispettato le scadenze. Nella nota della Regione Lazio, indirizzata al sindaco di Sezze, si legge infatti che la “documentazione di rendicontazione è stata trasmessa fuori termine, in quanto inviata oltre il termine perentorio di 90 giorni dalla data di conclusione dell’iniziativa, previsto, per l'iniziativa di cui trattasi, alla data del 13 aprile 2019”. Per tale motivo il contributo è stato considerato "decaduto". Su questa vicenda e sull'efficienza o meno dell'ufficio preposto ne vuole sapere qualcosa in più Sezze Bene Comune. Le consigliere comunali Rita Palombi ed Eleonora Contento, infatti,“Natale è tradizione”   approvato dalla Regione Lazio. Nella richiesta delle consigliere si chiede inoltre quale “provvedimento intende porre in questa questa amministrazione nei confronti degli uffici che hanno presentato in ritardo la suddetta documentazione determinando la perdita del contributo regionale e quale misura intende questa amministrazione per evitare che in futuro si verifichino zone simili ”.

 

Contento e Palombi (foto setino.it)

Pubblicato in Politica

 

Rispetto per l'ambiente e cultura del rispetto. L'I.C. Pacifici Sezze-Bassiano, diretto dalla preside Fiorella De Rossi, con l'installazione dei distributori di acqua si mette in prima linea per infondere agli studenti uno stile di vita più salutare e allo stesso tempo rispettoso dell’ambiente. Giovedì 13 febbraio 2020 in programma una bella iniziativa:  verranno distribuite delle borracce agli studenti a cura della Bioservizi SRL. "Il progetto “Plastic Free”  - spiega la dirigente scolastica -ha previsto l’installazione, in tutte le sedi dell’Istituto, di distributori automatici che permetteranno di bere acqua naturale o frizzante anche refrigerata, a cui gli studenti potranno accedere con dei contenitori riutilizzabili, evitando il consumo di bottigliette in plastica. Il progetto, che mira a coinvolgere alunni del primo ciclo scolastico e della scuola dell'infanzia, prevede di arrivare progressivamente alla completa sostituzione delle bottiglie di plastica, che gli studenti usano solitamente per portare l'acqua a scuola, con delle borracce in materiale riutilizzabile: la BIOSERVIZI ne ha donato una per ogni utente della scuola: bambini, ragazzi, docenti, personale ATA. Gli impianti, denominati Farmacqua School, una volta allacciati alla rete idrica pubblica, garantiscono un’acqua liscia fredda e gasata fredda  sicura e di assoluta affidabilità, come da D.M. 443/21-12-1990, mescita al momento per il consumo estemporaneo e umano (art. 15 legge del 16-04-1987 n° 183 CEE n° 80/778. Conforme alle leggi n° 236/24 051988). L’acqua erogata è trattata in maniera espressa e meccanica, attraverso filtri idonei (microfiltrazione) in maniera completamente naturale,  quindi  di qualità nettamente superiore all’acqua stoccata in bottiglie di plastica. Tutti, bambini, ragazzi e operatori della scuola, potranno riempire le loro borracce da 1/2 litro con un costo esiguo di 20 centesimi (0,20€). Si ringrazia la Bioservizi SRL per il servizio offerto".

 

La preside De Rossi

Pubblicato in Attualità