Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

 

 

 

 

Tutti uniti da un filo di cotone e da un cordino colorato. E’ partita nel pomeriggio di oggi una bella iniziativa dei residenti del quartiere Santa Maria di Sezze, da una idea dell’associazione culturale Setia Plena Bonis. Il vicinato si è mostrato sensibile ad una simbolica iniziativa che vuole essere un modo semplice per abbracciare amici, parenti e conoscenti dopo 3 settimane a causa delle misure imposte dal Governo per il famigerato Covid-19. Dall’Aringo, passando per via Matteotti, per Vicolo del Duomo e per Via Corradini, un intreccio di fili colorati sta animando le case e le strade del centro storico e si spera, anzi si invitano tutti i cittadini a prendere il bandolo della matassa da dove l’ultimo residente lo ha lasciato. Fino ad ora, il lungo abbraccio è arrivato in via Vaccareccia presso il “Montone” e da qui dovrebbe proseguire senza una vera logica se non quella di unire tutte le case del centro storico e quelle zone che vorranno aderire all’iniziativa. Il lungo filo di cotone, da casa in casa, ha coinvolto anche quei cittadini che non sapevano nulla dell’idea e con piacere hanno aderito allungando così il legame tra le abitazioni di Sezze. Si spera che simbolicamente questa idea possa giungere al cuore di chi in questo momento si sente veramente solo e in difficoltà, con la speranza che possa essere per loro un piccolo momento di condivisione con il vicinato. Quello della condivisione è l'unico contagio che vogliamo veramente, uniti per superare questo momento di difficoltà che ha cambiato le nostre abitudini.

 

 

Pubblicato in Attualità
Lunedì, 30 Marzo 2020 09:29

Gesù riporta Lazzaro alla vita

 

 

 

 

Nel miracolo di Lazzaro scopriamo che la bellezza della vita di un discepolo è vivere in atto la resurrezione di Gesù. 

Questa verità esistenziale, alla quale Gesù oggi vuol richiamare la nostra attenzione, passa attraverso l’esperienza del credere. 

È molto bello come Gesù rivolgendosi a Marta abbia detto: “Chi crede in me anche se muore vivrà e chiunque vive e crede in me non morrà in eterno”.

Ma cosa vuol dire credere?

Credere è spalancare la nostra esistenza alla signoria di Gesù; è l’uomo che, assetato di verità e di luce, dice al Signore: invadi la mia vita!

Credere è quando la persona di Gesù diventa l’anima della nostra anima. Il Cristo viene ad abitare in noi e abitando in noi diventa il principio di ogni nostra scelta.

Credere è il Risorto che plasma talmente la nostra esistenza che ormai noi viviamo da “risorti”.

Gesù nella risposta data a Marta che gli diceva: “so che risorgerà nell’ultimo giorno”, corregge il tiro: noi non risorgeremo domani ma nell’ultimo giorno e l’ultimo giorno è l’oggi di Dio! Da quando è stato mandato su di noi lo Spirito Santo è cominciato l’ultimo giorno.

Oggi siamo in stato di attiva resurrezione quando viviamo del credere! Oggi noi stiamo già risorgendo, pur vivendo nelle contingenze e nelle oscurità della storia. Basti pensare all’esempio dei Santi, che sono vissuti e vivono fuori del tempo.

Per noi non c’è il problema del domani, per noi tutto è oggi! Oggi il Risorto dimora in noi perché oggi viviamo di Lui e il risorgere finale non sarà altro che la definitività della nostra esistenza.

Uno dei drammi dell’uomo contemporaneo è quello di non gustare la bellezza dell’oggi.

Come l’uomo vive ogni giorno perché respira, così il credente, respiro di Dio, ogni giorno risorge in Gesù, con Gesù e come Gesù.

Noi siamo già nell’ultimo giorno, stiamo aspettando la definitività pienamente liberante.

Questa concezione è la bellezza della nostra esperienza di fede (anche se ancora per del tempo devo stare chiuso/a in casa per il maledetto virus): lasciarci invadere dal Maestro, facendo della nostra vita una crescente sintonia con Lui.

E allora quando moriremo saremo nella pienezza della risurrezione.

Il morire del credente è la pienezza del vivere.

Camminiamo in questa visione che è ricca di speranza perché ci fa dire che i guai della vita sono di un istante, ma il Signore è il Signore ed il  Signore è una eternità già presente.

 

Don Anselmo Mazzer 

Pubblicato in Riflessioni