Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

 

Per la quinta edizione di “Racconti, la sottile linea rossa”, manifestazione ideata e organizzata dall’Associazione culturale Le Colonne di Sezze, stasera è previsto il racconto della setina Ester Marchionne, giovane laureata in Storia dell’arte presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’ateneo La Sapienza di Roma. La debuttante dott.ssa Marchionne racconterà, partendo dal lavorio di ricerca diventata poi la sua tesi di Laurea magistrale, l’attività artistica di un altro setino purosangue, il marmoraro Franco Vitelli, artista poliedrico che si è specializzato nel corso degli anni nell’attività di composizione di opere marmoree originali e in restauro. Inserendosi nella tradizione degli antichi cosmateschi, fini artisti del sec. XII e XIII che ornarono interi settori della pavimentazione delle più belle chiese di quel tempo con straordinarie opere figurative, il Magister Vitelli si è ritagliato un ruolo da protagonista nazionale nel settore della lavorazione del marmo e di pietre varie, e alternandolo con porfido di vari colori realizza così pregevoli mosaici ornamentali in cui spiccano geometrie con losanghe e triangoli policromi. Di questo e di molto altro, stasera ci racconterà la bella ex-piccola Ester (ndr: sono il suo padrino di battesimo) che, seppur abituata da anni ad esibirsi in pubblico con il Coro Incantu e come attrice nella Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo e nelle Compagnia teatrale "Parsifal", ha confidato di sentirsi emozionatissima per questa prima occasione davanti al pubblico di casa. Introdurrà l’evento il direttore artistico de Le Colonne, Giancarlo Loffarelli e sarà presente, emozionatissimo anch’egli, Franco Vitelli. Inizio ore 21.30, ingresso libero. Si raccomanda di rimanere distanziati e di indossare la mascherina.

 

Pubblicato in Eventi Culturali