Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

 

Il consiglio di stato ha respinto il ricorso presentato da Don Massimiliano Di Pastina sui lavori al Belvedere di Santa Maria. Come annunciato ieri su le colonne de La Notizia Condivisa ieri si era riunita la camera di consiglio esprimendosi nel merito del ricorso e oggi la sentenza è stata depositata e resa pubblica.  Il Don chiedeva “la riforma dell’ordinanza cautelare del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio”. Nella sentenza si legge: “Ritenuto, ad un primo esame tipico della presente fase, che l’appello non è assistito dal fumus boni iuris; nel presente giudizio si discute della realizzazione ‒ da parte dell’appellante ‒ di un monumento e sovrastante scultura raffigurante San Lidano d’Antena posizionato nella Piazza Duomo; allo stato non risulta sussistere un titolo che legittimi il predetto intervento edilizio su suolo pubblico, cosicché l’impugnato ordine di procedere alla demolizione delle opere realizzate sull’area demaniale non appare affetto dai vizi sollevati; va rimesso alla fase di merito l’esame della domanda risarcitoria per asserita violazione dell’affidamento; sussistono giusti motivi per compensare le spese della presente fase”. Con queste motivazioni dunque è stato respinto l’appello cautelare contro il sindaco del comune di Sezze Sergio Di Raimo. Il Comune di Sezze adesso senza se e senza ma dovrebbe eseguire l’ordinanza di demolizione dei lavori iniziati e sospesi da oltre 600 giorni e mettere la parola fine a questa vergognosa vicenda.

Pubblicato in In Evidenza

 

 

Purtroppo è stato ritrovato poco fa senza vita il corpo di Giampiero Peloso, scomparso ieri pomeriggio a Sezze Scalo, nei pressi del Lago Mole Muti dopo un piccolo incidente con la propria auto. L’uomo, 54 enne di Sezze, è stato ritrovato da un gruppo di volontari con l’ausilio di un drone. Molto probabilmente Peloso è caduto dalla scarpata mentre cercava di salire sopra una collina. Pare che l’uomo sia stato trovato sopra una siepe dopo una rovinosa caduta. Sul posto Carabinieri, il comandante della Polizia Locale Lidano Caldarozzi e Protezione Civile. Tutta la città dopo la notizia della scomparsa si era mobilitata sui social e in ogni modo, raccogliendo l’appello dei familiari. 

Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 15 Gennaio 2021 06:37

Scomparso da ieri, l'appello dei familiari

 

Un uomo di Sezze, Giampiero Peloso, ha fatto perdere le sue tracce da ieri pomeriggio. Intorno alle ore 14 l’uomo pare abbia avuto un piccolo incidente con la sua auto nelle vicinanze del Lago Mole Muti a Ceriara di Sezze. Da quel momento non si hanno più notizie.  L’uomo al momento della scomparsa indossava una giacca blu. Il suo cellulare è rimasto in macchina. I suoi familiari su facebook hanno lanciato un appello: chiunque lo avesse visto contatti i numeri 3489866933 – 3343441155 oppure chiami i Carabinieri o Polizia Locale. 

Pubblicato in Cronaca