Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

La Sinistra Italiana di Sezze per bocca del segretario di sezione Michel Cadario condanna l'atto vandalico nei confronti della panchina arcobaleno della diversità in piazza Ferro di Cavallo.

__________________

Purtroppo il costrutto societario influenza le azioni quotidiane, ciò che siamo è il frutto di anni di indottrinamenti culturali basati su un pensiero unilaterale. Inutile nascondersi, il patriarcato influenza ogni giorno le nostre scelte dalle più banali a quelle più complesse. La società, Sezze, andrebbe preparata per parlare di politiche di genere. Ogni giorno nel nostro paese avvengono violenze, forme di bullismo verso chi si trova in una situazione di minoranza. Il "diverso" spaventa, provoca inquietudine, alcuni vedono il diverso come fenomeno da circo. In realtà la nostra società è fondata su un sistema binario che non prevede uno scorrimento centrale. Si ragiona sempre per compartimenti stagni, bianco o nero, uomo o donna, ci si limita sempre ad essere ciò che ci hanno abituato ad essere. "People are strange when you're a stranger Faces look ugly when you're alone". Esordiva così Jim Morrison in una delle sue più celebri canzoni. Le persone sono strane quando tu sei strano e ti guardano brutto. A Sezze qualche campione ha imbrattato una panchina rainbow che stava lì a simboleggiare i diritti LGBTQI+ , diritti di una comunità che lotta dal lontano 1960 in America per essere ciò che si è e non ciò che bisogna essere in ambito sociale e lavorativo. È stata scelta proprio quella panchina in mezzo a tante panchine, non è una scelta casuale e non è una ragazzata, è la manifestazione evidente di uno stato di frustrazione, di rifiuto, a tal punto da deturpare una panchina che non dà fastidio a nessuno se non a qualche omofobo. Noi sapevamo che la messa in posa di quest'opera avrebbe generato polemiche, Sezze non è pronta e non è stata fatta un'opera di sensibilizzazione adeguata a tal proposito. Sensibilizzazione che andrebbe fatta in primis nei luoghi di formazione, ed in seguito nei centri culturali. La sinistra spesso si ispira ad ideali di uguaglianza, ma uguaglianza a tal proposito non basta e non basta perché lo stesso concetto di uguaglianza si fonda su un'uguaglianza sistemica, tutti uguali a chi? Alla concezione di uomo come ci viene data. Invece è fondamentale riconoscere le diversità in tal caso e cominciare a considerare la possibilità di uguaglianza nei diritti ma diversi nel genere ( io sono ciò che sono e mi sento diverso e voglio fortemente rimarcarlo). Voglio essere riconosciuto come non binario e voglio avere gli stessi diritti e pari opportunità lavorative senza essere discriminato dal punto di vista sociale, sessuale, lavorativo. Esprimiamo dunque sostegno a Derek per l'accaduto, ed invitiamo l'amministrazione a ripristinare la panchina rainbow nel più breve tempo possibile e speriamo che il l'imbrattatore venga punto con una sanzione amministrativa.

La sinistra Italiana di Sezze si dichiara disposta ad incontrare le forze politiche progressiste del paese per trattare queste tematiche.

Pubblicato in Attualità