Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

 

 

È un romanzo esistenzialista. Nelle pagine de “Le storie non volano” di Roberto Campagna, oltre alla sfortuna, ci sono la depressione, la follia, il tradimento, la prostituzione, l’emarginazione, l’aborto e la morte. Ma anche l’amore, la solidarietà e la comprensione. In tali pagine, così riconoscibili nello stile, l’autore va oltre ciò a cui ha abituato i suoi lettori e lentamente, quasi senza rendersene conto, li spinge dentro i colori più cupi dell’animo umano, in un continuo oscillare tra basso e alto, aridità dello spirito e poetica della vita. Verrà presentato nell'ambito della rassegna “Incontri letterari a castello”, sabato 24 settembre alle 18.00, a Maenza, nel Castello Baronale. L'incontro è organizzato dall'Associazione “La Macchia” di Sezze e dalla Compagnia dei Lepini.  Dopo i saluti di Claudio Sperduti e Dorina Risi rispettivamente sindaco e assessore alla culura di Maenza, introdurrà l'incontro lo storico Alessandro Pucci. Interveranno Quirino Briganti, presidente della Compagnia dei Lepini, e il poeta Antonio Veneziani. Dialogherà con l'autore lo storico Nino Cardone, mentre Maria Borgese, attrice e danzatrice, leggerà alcune pagine del romanzo.  Romanzo che ha vinto il Premio speciale “Antica Pyrgos” per la poeticità della prosa.  Così come in altri suoi libri, Campagna, in questo romanzo  (edizionicroce, pagg. 160, euro 15.00) ricorre alla metanarrazione. In pratica, racconta fatti realmente accaduti mischiandoli con altri creati artatamente da lui stesso. Ciò per rendere gli stessi fatti accaduti più credibili e quelli inventati più veritieri. Quattro i principali protagonisti del racconto, che inizia nel 1985 e finisce nel 2010: tre maschi e una femmina. Più che amici, sono compagni di gioco a carte. Le loro vite sono segnate dalla sfiga e le partite interminabili a briscola e tressette, che spesso non vedono né vinti né vincitori, sono la metafora delle loro stesse vite. Nel quadro narrativo, a fare in qualche modo da cornice, ci sono altre partite: gli scontri elettorali di Borgomanuzio. È qui, in questo borgo medievale, che è incentrato il romanzo.“L’idea iniziale – afferma l’autore – era quella di raccontare  questi scontri elettorali, in particolare quello del rinnovo del Consiglio comunale dell’85,  quando avvenne un incomprensibile ‘compromesso storico casereccio’. Ma rendendomi  conto che, al di là delle lotte di partito, delle fazioni facinorose e dei tentativi di alleanze, il  racconto sarebbe stato, oltre che striminzito, troppo asettico, pieno di numeri, liste e nomi,  ho inventato le storie di questi quattro sfortunati personaggi. Quella degli scontri politici, dei  canditati, dei rapporti fra i partiti, dei risultati elettorali e degli amministratori locali è  diventata così la parte secondaria e storica del libro, a tratti romanzata”. Ne  “Le storie non  volano” non è prevista redenzione per coloro che ne popolano il racconto. Le vite dei personaggi principali sembrano marchiate da un fato ineluttabile, pronto a stroncare sul  nascere ogni velleità di riscatto o di fuga. I quattro amici seguiranno il destino che per loro è  stato tracciato, vittime di una tragica catena di cause ed effetti, iniziata prima della loro  nascita. Ognuno di loro ha lo stigma del perdente e tali li si considererebbe, se l’autore,  attraverso emozionanti  flashback, non ce li mostrasse in tutta la loro purezza  di angeli  caduti.  In questo romanzo, per la prima volta, le parole, le frasi, le volute ripetizioni, che  Campagna solitamente utilizza nei suoi scritti per costringere il lettore  sul sentiero da lui mirabilmente tracciato, si trasformano in messaggio metalinguistico che travalica la razionalità.

 

 

Pubblicato in Eventi Culturali

 

 

 

Pochi comunicati stampa, poche interviste, pochi commenti o post su Facebook e Instagram o su canali che sono stati attivati come telegram. Niente, Lillo preferisce altro. Il sindaco di Sezze Lidano Lucidi, per dare informazioni alla comunità, infatti sembra aver scelto la formula di WhatsApp, e lo fa principalmente postando “stati”. Una comunicazione diretta e che arriva immediatamente a tutti i contatti telefonici che si hanno in rubrica ma che sicuramente resta riservata. Dalle lettere vergate a mano ai comunicati stampa, sembra essere passato un secolo ma, solo un decennio fa, anche la comunicazione dalle nostre parti, era quella, fatta di foglietti, matite e macchine fotografiche. Ricordo che quando iniziai a scrivere sulla carta stampata e a dedicarmi all’informazione, circa 18 anni fa, per avere qualche notizia noi giovani cronisti dovevamo andare direttamente in Municipio. Le news erano snocciolate direttamente dagli interessati a tu per tu. Gli atti amministrativi, le determine e le delibere non erano consultabili on line come oggi ma, per essere visionate, si doveva fare una richiesta precisa e bisognava poi attendere anche giorni. Eppoi l’unico modo per seguire i lavori del consiglio comunale era quello di andare in aula, sedersi e ascoltare anche pesanti e lunghe discussioni. Oggi, comodamente dal divano di casa, assistiamo in streaming alle dirette delle sedute e se non abbiamo voglia le possiamo rivedere sul sito del Comune di Sezze. Insomma passi da gigante per l’informazione e per la sua velocità e immediatezza. Passi da gigante per il diritto all'informazione a alla trasparenza amministrativa la quale ti arriva dritta in tasca, spesso anche con eccedenze smisurate. Passi indieto, forse, per l’approfondimento della stessa notizia e per l'informazione in generale, e per i contenuti che porta con sé. Siamo diventati quindi esperti navigatori di superficie, ma non siamo più in grado di scendere in profondità, nemmeno con una maschera da mare comprata dai cinesi.

 

 

Pubblicato in Cum Grano Salis