Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

...in campagna elettorale

Set 22, 2021 Scritto da 

 

 

 

Per chi, come me, non ha molta dimestichezza con la tecnologia, il modo migliore (o forse l’unico) di fare campagna elettorale a Sezze, è quello tradizionale del “porta a porta”. Si cammina per le strade e i vicoli del paese, si incontrano i cittadini, si scambiano i saluti, si distribuisce il materiale della propaganda elettorale, i cosiddetti “santini”. Si è abbastanza soli, con la propria storia e la propria identità politica. Non c’è più la macchina elettorale del partito, né tantomeno gli sponsor di turno e neanche, nel caso mio, una numerosa parentela fatta di compari e comari, che spesso decidono le sorti dei candidati. Le cose sono veramente cambiate. Un vecchio modo, il mio, di contattare l’elettorato di qualsiasi età e condizione sociale, senza schemi prefissati e pacchetti elettorali confezionati. Una partita a campo aperto, stimolante e dagli esiti incerti. Un vecchio modo di contattare la gente. Pochi i rifiuti, molti i riscontri positivi: sarà per il rispetto alla mia persona! Certo. Non manca una fetta di elettorato che sembra aver travolto i recinti delle vecchie appartenenze politiche, in nome di una scelta di rottura; voti in libera uscita, in cerca di rappresentazione futura.  Né manca un'altra fetta di elettorato diffidente verso ogni forma di politica organizzata a prescindere, che si considera cittadino nella terra di nessuno e preferisce mettere in scena se stesso, senza delegare nessuno, affidandosi al buio grigio del non voto. Ci sono altri, infine, che contestano il presente, sospinti dall’ondata populista e qualunquista ma non in grado di proporre una alternativa. Si dichiarano fuori da ogni schema e, perciò, stanno a destra, perché la Destra è di per sé diversa e alternativa. Per fortuna, a Sezze, non stiamo all’anno zero della politica e della democrazia e la gran parte della gente conosce nome e cognome dei candidati. Non si può cancellare con un colpo di spugna una storia di tante battaglie e di tanti risultati a livello sociale, scolastico, sanitario, infrastrutturale e sportivo. Gli errori vanno cancellati ma ci sono le condizioni per far rinascere la città, senza affidarsi a improvvisati e sprovveduti. C’è ancora uno zoccolo duro di una grande parte della città che nonostante i ritardi e gli errori non vuole interrompere e spezzare un filo di crescita e di sviluppo. Un racconto, questo, che è tuttora vivo soprattutto laddove c’era povertà e miseria, laddove c’era senso di appartenenza e di fierezza e di riscatto. Il Centro storico, oggi, risente maggiormente i disagi e le difficoltà di questo periodo di transizione verso una nuova forma di convivenza e di cittadinanza, con la presenza di molti cittadini stranieri, di nuove povertà e bisogni. In presenza di un traffico pesante e insopportabile, di assenza di punti e momenti di incontro. Qualunque sarà il risultato elettorale delle urne, si dovrà ricominciare a ricostruire il senso civico, il rispetto di sé e degli altri, la cura delle persone e dell’ambiente, il senso profondo della amicizia e della fratellanza, basato sulla inclusione, sulla interculturalità, sulla cittadinanza attiva. Una città in cui nessuno si dovrà sentire escluso o un intruso ma parte attiva e protagonista.  Occorre perciò una campagna elettorale civile, lontana dalle torbide allusioni, dalle malevolenze gratuite, dalle nefandezze dell’odio personale e pettegolo. Bisogna rimettere al centro un’idea di emancipazione sociale, adeguata ai tempi in cui viviamo; ricostruire capacità di rappresentazione più democratica; impegnarsi per una nuova centralità geopolitica della nostra città di Sezze nei Monti Lepini; ridare dignità, forza, capacità di trasformazione del modo di fare politica, lontana dai rancori e dai risentimenti personali e demagogici.

Pubblicato in La Terza Pagina
Ultima modifica il Venerdì, 24 Settembre 2021 05:48 Letto 465 volte
Vincenzo Mattei

 

Dirigente scolastico

Altro in questa categoria: « Perché mi candido nel PD

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Ottobre 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31