Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Mercoledì, 28 Settembre 2022 09:42

Riuscirà il Pd di Sezze a rinascere?

 

 

L'esito elettorale del 25 settembre ha segnato un'amara e cocente sconfitta. Il Pd ha ottenuto solo il 15% ed è stato raddopp...

Martedì, 20 Settembre 2022 05:55

 

 

Voterò PD senza turarmi il naso”, ha dichiarato Michele Serra. Lo farò anch'io senza molto entusiasmo ma con convinzione e coraggio. Molte delle speranze e delle aspettative giovanili si sono rivelate illusorie e con il tempo si sono dileguate nella nebbia. Il conformismo e il qualunquismo, come profetizzava P.P. Pasolini, si sono impadroniti delle coscienze degli uomini. La caduta del muro di Berlino (1989) ha trascinato con sé tante macerie sulle quali si era costruita una generazione di giovani, pronti al cambiamento della società. Ora, si dice, non è più il tempo delle favole, dei sogni e delle rivoluzioni. I giovani sono molto più scaltri e pragmatici, più attenti alla realtà effettuale e alle cose concrete. Del resto in giro questa è l'aria vincente, che si respira in ogni momento. Regna la consapevolezza di un futuro incerto e oscuro. Si vive un po’ alla giornata, consapevoli che per farsi spazio bisogna imparare a dare spinte e calci. Voto PD, perciò, per dare una speranza ai giovani, pensando a quei milioni di persone che, anche in Italia, vivono di sofferenze e di disagi e che, hanno combattuto e credono in un’idea di progresso e di eguaglianza. Voto PD sapendo che le classi sociali di riferimento si sono frantumate in mille rivoli per contrastanti interessi economici e che hanno smarrito il senso della loro appartenenza, andando ognuno sulla propria strada, privo della solidarietà sociale e civile di cui non possiamo fare a meno e di cui tutti abbiamo necessità. Del resto, votare per la Fiamma della Meloni o per la Destra di Salvini non è la stessa cosa che votare a Sinistra, pur riconoscendo debolezze ed errori in ambo gli schieramenti. Il voto del 25 Settembre p.v. è importante perché interpreta due concezioni diverse della democrazia, apparentemente accettata da tutti ma in realtà fondata su due modelli contrastanti, uno di tradizione democratica, l'altro di tradizione sovranista e neo-autoritaria, illiberale (Orban in Ungheria, Erdogan in Turchia). Purtroppo, la democrazia non gode di buona salute perché non è riuscita a ridurre e a sconfiggere le ingiustizie e le diseguaglianze economiche e sociali. Ciò induce i sovranisti e i populisti di casa nostra (Meloni e Salvini) a dichiarare che questo non è più il tempo adatto per la democrazia occidentale, con tutti i suoi lacci e laccioli: perciò nel Parlamento Europeo sono schierati con Orban e votano contro il giudizio di condanna sull’Ungheria espresso ultimamente da Consiglio Europeo, dimostrandosi così più vicini a Budapest che a Bruxelles. Voto PD e a turarsi il naso ci pensino gli elettori degli altri partiti. Rispetto chi vota per un altro partito o chi non va a votare anche se ho l'obbligo di ricordare a questi ultimi che votare è un dovere costituzionale e che è costato dure lotte e sacrifici pagati, molto spesso, con la vita. Il voto è la massima espressione della libertà di un popolo. Ai ragazzi vorrei rivolgere un caro invito ad andare a votare in libertà e nel rispetto delle loro aspettative e del loro futuro. Mi accorgo di essere un idealista   un po' nostalgico, ma in giro ci sono tanti cinici e tanti indifferenti e perciò avrei voglia di pareggiare il conto e non dargliela per vinta.

Lunedì, 05 Settembre 2022 05:53

 

 

Ha ragione il consigliere regionale Enrico Forte ad esprimere profonda soddisfazione per il risultato ottenuto, insieme agli altri rappresentanti pontini, per lo stanziamento delle somme necessarie alla realizzazione del Nuovo Ospedale di Latina e per l'attivazione di un nuovo modello socio-sanitario nel  territorio pontino. Nella delibera Regionale si fa riferimento, infatti, alla costruzione di un Ospedale di eccellenza nel capoluogo ma anche di una rete ospedaliera territoriale di prossimità. Gli ospedali di prossimità sono strutture intermedie che si integrano e si completano con gli ospedali. La pandemia ha messo in evidenza come ci sia urgente bisogno di un sistema socio-sanitario integrato, più vicino alla gente, più adatto ad affrontare con piccoli e medi interventi la guarigione e la cura dei malati. L'Ospedale di prossimità offre un servizio per i ricoveri brevi e destinati a pazienti che necessitano di interventi di media intensità clinica e per degenze di breve durata. Sono strutture ospedaliere in grado di ospitare fino a un massimo di 40 posti letto e che consentono una riduzione di accessi impropri alle prestazioni specialistiche e ai ricoveri di lunga durata. L'Ospedale di prossimità deve facilitare la transizione del paziente dall'ospedale al proprio domicilio, consentendo alla famiglia di stare vicino al paziente e farlo sentire a suo agio. Questa Delibera regionale andrà incontro agli Ospedali di Sezze e di Priverno che, in questo modo, potranno riacquistare una funzione strategica e prestigiosa sul territorio, con le funzioni di filtro e di complementarità con quelli di Latina e di Terracina. I due Ospedali di Sezze e Priverno hanno, perciò, urgenza di dotarsi del Pronto Soccorso h24. L'esperienza negativa dei due Ospedali Lepini, negli anni recenti, dovuta al loro ridimensionamento per esigenze di risparmio e di razionalizzazione della spesa, devono indurre tutte le persone di buon senso a una radicale revisione delle scelte compiute nel recente passato. Bisogna essere fortunati a non sentirsi male ed evitare di incappare in dolorose esperienze. Sentirsi male, venire trasportati d'urgenza al Pronto soccorso del Goretti; aspettare per giorni di essere assegnati a un reparto che è sempre strapieno; ascoltare gemiti e urla di pazienti gravi; ritrovarsi accanto a persone ferite, nude, senza alcuna protezione, uomini e donne, gli uni accanto alle altre; consumare il pranzo sopra le lenzuola in assenza dell'armadietto; trovare il bagno sempre occupato, avere speranza (inutilmente) nei bravissimi medici e nelle infermiere che lavorano senza un attimo di riposo. Sentirsi, infine, stremato e costretto a firmare l'uscita senza aver combinato niente: credetemi, è avvilente. Ecco perché questi finanziamenti regionali sono la manna dal cielo e possono servire a restituire dignità e efficienza alle Comunità locali e territoriali. Il D.L. 229/99 istituisce i PAT (Piani attività territoriali) per poter localizzare i servizi ed effettuare l'integrazione socio-sanitaria. Due cardini essenziali per l'attivazione del Distretto socio-sanitario. Non basta costruire Ospedali di eccellenza se non sono collegati con il territorio. La suddivisione del territorio in aree omogenee (Sezze e Priverno), di adeguate dimensioni, sono il presupposto per un'analisi epidemiologica della realtà ambientale, clinica e sociale, e per effettuare puntuali attività di prevenzi0one. Ora più che mai occorre il sostegno e l'intervento attivo della popolazione, dei partiti, delle Amministrazioni comunali ai rappresentanti pontini.

Calendario

« Ottobre 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31