Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Partiti locali: chi e cosa rappresentano oggi?

Giu 17, 2020 Scritto da 

 

 

La crisi dei partiti politici è sempre più evidente, i cosiddetti "tradizionali" oggi rappresentano una cerchia di persone e sono solo un cartello elettorale, un contenitore vuoto da riempire di nomi per questa o per quella tornata elettorale. Questa crisi è sconcertante ancor più a livello locale, dove le segreterie e i direttivi rappresentato se stessi nella migliore delle ipotesi. Se c’è un confronto e (quasi mai) una discussione su alcune tematiche, queste sono fortemente condizionate comunque dai vertici, ossia da una componente ristretta di persone che spesso ricopre un ruolo istituzionale e che non ha contatti con la comunità locale. Nel corso degli anni la crisi dei partiti locali ha travolto il concetto di politica e di democrazia che conosciamo, ha svuotato una tradizione partitica che anche a Sezze era fortemente legata all’opinione pubblica, ai bisogni dei cittadini, una storia di personaggi politici che sapeva andare oltre il voto d’opinione. I partiti erano luoghi di confronto e punti di riferimento e cassa di risonanza delle esigenze dei cittadini, erano botteghe di artigianato politico dove si analizzavano le istanze locali e si cercava di affrontarle per risolverle. Il direttivo era una cosa seria, si discuteva fino a sera e poi il segretario, nelle sue prerogative, sintetizzava quanto discusso, dal primo all'ultimo iscritto, ed il capogruppo in consiglio riportava la proposta e l’idea del suo partito: era il portavoce in aula di tutti e non di se stesso. Oggi i partiti locali sono allo sbando e sembrano inutili ai fini della discussione e dei bisogni della comunità, nonostante però vogliano far sembrare sempre il contrario. I Partiti sono diventati specchietti per le allodole nei confronti di chi ancora si sente parte di una idea o addirittura di una ideologia. Siamo al medioevo, siamo alla retorica, si rasenta il ridicolo come abbiamo ultimamente visto anche in merito alle ultime discussioni che hanno acceso dibattiti nella città. Ma dove sono i rappresentati dei partiti? A Sezze esiste un Partito Democratico? A Sezze esiste una Lega? A Sezze esiste Forza Italia? Esiste Fratelli D’Italia? Se sì, come e quando intervengono nelle discussioni e nei problemi reali della città non è dato sapere. Al contrario esistono forze civiche e singoli cittadini che vivono la città tutti i giorni, esistono rappresentanti istituzionali che lavorano senza sosta al di sopra di una etichetta politica ma lo fanno solo per spirito di sacrificio  e di appartenenza ad una comunità che continua a perdere valori e punti di riferimento. Qualche anno fa i progetti civici venivano bollati come aggregati di cani sciolti, senza una guida. Oggi dal mio punto di vista rappresentano autonomia, coraggio sociale e democrazia popolare. Restiamo come sempre a disposizione di tutti per repliche o smentite con fatti concreti e non chiacchiere perditempo.

 

Pubblicato in Cum Grano Salis
Ultima modifica il Giovedì, 18 Giugno 2020 05:43 Letto 390 volte
Alessandro Mattei

Direttore Responsabile

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Luglio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31