Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Quel cappio al collo al Milite Ignoto che passa inosservato

Lug 26, 2020 Scritto da 
Il Milite Ignoto

 

 

Un cappio al collo al milite ignoto del Parco della Rimembranza di Sezze passa inosservato e dal mese di maggio nessuno ha pensato di rimuoverlo. Capita anche che alla fine del cordino qualcuno per divertirsi, ignorando il valore di questa statua, un giorno sì e l’altro pure, si diverta a legarci una bottiglia di birra vuota, segno di sballo e degrado del terzo millennio. Quel cappio al collo però non è passato inosservato a chi ha vissuto direttamente o indirettamente il sacrificio dei nostri soldati al fronte, a chi ha perso un padre, un nonno o un caro in guerra, nella Grande Guerra del '15 '18.  “Di tanti problemi che ci sono a Sezze adesso stai a guardare anche il capello...”. Questa una delle risposte e critiche che potrebbero pioverci addosso. Certo... per qualcuno questi potrebbero essere discorsi di lana caprina, ma chi non considera il valore simbolico della nostra e delle altre statue dedicate al Milite Ignoto, non sa che così si cancella la storia della nostra gente, della nostra comunità, dell'Italia, così si disprezza il passato e si distrugge la memoria. Il vilipendo, inoltre, è un reato, e pertanto andrebbe punito. Speriamo che presto questa offesa gratuita venga cancellata, pur sapendo che si tratta solo una bravata, una delle tante bravate da parte di chi ostenta degrado e inciviltà, disinteresse, vuoto a perdere, da parte di chi non rispetta la storia della nostra città e della Nazione, oppure, ancora peggio, non la conosce proprio perché nessuno ha avuto la passione di insegnargliela. Così però si rischia di distruggere una comunità che giorno dopo giorno sta perdendo identità e cultura. 

Pubblicato in Cum Grano Salis
Ultima modifica il Martedì, 11 Agosto 2020 06:40 Letto 618 volte
Alessandro Mattei

Direttore Responsabile

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Settembre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30