Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Crollo delle nascite. Un paese sempre più vecchio

Feb 15, 2020 Scritto da 

 

L'Istat (istituto nazionale di statistica) ha registrato in Italia, nell'anno appena trascorso, un crollo delle nascite. Un trend negativo che colloca il nostro bel Paese in fondo alle graduatorie europee. Mai così poche nascite! Su 100 persone che muoiono, nascono solo 67 bambini. Un Paese sempre più vecchio. Non si fanno più figli. Le culle sono sempre più vuote. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sentito il dovere di lanciare un allarme sociale oltre che demografico:" Il tessuto sociale del nostro Paese si indebolisce sempre di più e se non si inverte la tendenza si rischia il declino". Non è così negli altri Paesi europei: in Francia e in Germania, ad esempio, dopo una fase di rallentamento, aumenta la natalità. Anche da noi, negli anni '60, si registrò un baby-boom. Avere figli costituiva un valore sociale, era il coronamento dell'unione familiare, una ricchezza in tutti sensi. Appena sposati si aspettava con ansia e trepidazione la prole. Per non parlare, poi, di qualche decennio fa, quando i contadini, che costituivano la stragrande maggioranza della popolazione, facevano tanti figli perché avevano bisogno di braccia per lavorare, mettendo purtroppo persino in conto un'alta mortalità infantile. Oggi non è più così: è cambiato profondamente il modello e il sistema sociale di vita. Le giovani generazioni fanno fatica a trovare sistemazione e a sposarsi. La mancanza di lavoro sicuro e di speranza per il futuro sono un forte deterrente. Molti di loro emigrano dal Sud verso il Nord e verso Paesi stranieri. La fertilità, infatti, sta scendendo, in particolar modo, nel Meridione della Penisola. Ciò dimostra l'urgenza di creare nuova e moderna occupazione. La società dei consumi, poi, che spinge tutti noi alla ricerca spasmodica del benessere e del divertimento,  ha ridotto spazio e tempo da  dedicare ai figli. Facciamo meno figli, uomini e donne, perché  siamo perennemente affannati alla  cerca di lavoro sicuro, da un lato, e di evasioni e distrazioni varie dall'altro. Perché  ci stiamo abituando a non avere altre preoccupazioni all'infuori di noi. Perché  siamo sempre  meno avvezzi all'impegno e al sacrificio. Allevare e crescere i figli, oltre che una delle attività più naturali di ogni essere vivente, è una magnifica esperienza, ma costa fatica. Eppure in tutti i discorsi e in tutte le salse  mettiamo al centro la famiglia: tutti lo dicono ma pochi lo fanno. Occorre ricreare le condizioni di fiducia e di speranza nel futuro; occorre creare le condizioni affinché  si realizzi un welfare familiare, con servizi gratuiti e universali fin alla nascita; occorre garantire alle donne sicurezza del posto di lavoro e protezione assicurativa e contributiva in tutto l'arco della crescita del bambino, parità di opportunità e di condizioni salariali. Ma occorre anche più disponibilità e più coraggio da parte nostra  nell'affrontare la vita rendendoci  conto che i figli sono il bene più prezioso della nostra esistenza. Altrimenti, inesorabilmente, diventeremo come gli alberi senza frutti e, quando mettiamo al mondo i figli,  facciamo ricadere quasi interamente sulle spalle dei nonni il peso e l'educazione di essi. Quei nonni che avevano sognato e messo in conto l'affetto e la dedizione per i loro nipotini... ma non a tempo pieno e h24!

Pubblicato in La Terza Pagina
Vincenzo Mattei

 

Dirigente scolastico

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Aprile 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30