Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Coronavirus: non è la vendetta di Dio

Mar 22, 2020 Scritto da 
foto Walter Salvatori

 

 

 

 

 

Giorno dopo giorno contiamo con orrore i morti e i contagiati in ogni angolo del mondo. Il nemico che abbiamo di fronte è invisibile e non mostra segni di stanchezza. Nella Bibbia è scritto (Esodo 32,35): "Il Signore mandò una mortalità nel popolo". Mi sono tornate subito in mente, leggendo questo versetto, le dieci piaghe d'Egitto, somministrate dal Dio biblico per liberare gli ebrei dalla schiavitù del Faraone Poi, fortunatamente, con la venuta di Cristo sulla terra, il Dio vendicatore ha lasciato il posto al Dio misericordioso: niente più vendetta, niente più odio!  Si è diffuso universalmente il messaggio evangelico del "porgi l'altra guancia, e del "perdona il tuo fratello 70 volte 7, anche se  chi ti fa del male". Eppure, nonostante la forza di quest’annunzio, nei secoli passati molti spesso sono prevalsi l'idea che il Male sia il risultato della vendetta divina. Alcuni esempi: la peste a Firenze durante il 1300, descritta da Boccaccio nel Decameron; la peste a Milano durante il 1600, narrata da A. Manzoni nei Promessi Sposi; la febbre spagnola che all'inizio del 1900 seminò circa cinquanta milioni di morti. Ma anche più recentemente, quando è scoppiato il virus HIV, qualcuno disse che il virus si era trasmesso per colpa del  vizio del sesso. Insomma, nella storia passata e recente, non si è mai spenta in molti la convinzione inconscia che sono i peccati degli uomini a scatenare la vendetta di Dio. Non è così! Il coronavirus ci fa capire che la peste è il risultato di un cattivo rapporto dell'uomo con la natura e con noi stessi. Si tratta di  un circolo vizioso: l'uomo inquina la natura, la natura inquina gli uccelli, gli uccelli inquinano l'uomo. Lasciamo stare, per favore, Dio che ci lascia liberi di decidere della nostra vita, nel bene e nel male. Il coronavirus si trasmette con il fiato, con il respiro, con le gocce di saliva e dello starnuto. Esso si annida dentro di noi. E noi siamo parte di un tutto. Perciò, in questi giorni drammatici, è vietato stare insieme. La nostra è una prossimità materiale e fisica, che non ha niente a che vedere con la religione. Non è Dio che ci castiga perché siamo peccatori. Dobbiamo invece cambiare il nostro rapporto con la natura, con gli altri animali, con noi stessi perché siamo figli della natura come tutti gli altri esseri viventi. La peste è il frutto dell’ingordigia e dell'avidità del genere umano. Mi auguro che quando questo morbo sarà scomparso, la gente potrà uscire da casa e prendere coscienza della fragilità dell’esistenza umana e rendersi conto delle cose veramente importanti, distinguendo tra ciò che vale e ciò che non vale. Che ci faccia capire che siamo tutti uguali, che il bene di ciascuno è il bene di tutti. Che siamo parte della natura, creata da Dio, e che se la rispettiamo, rispettiamo noi stessi e Dio; se invece la offendiamo, offendiamo noi stessi e Dio.

Pubblicato in La Terza Pagina
Ultima modifica il Domenica, 22 Marzo 2020 07:23 Letto 303 volte
Vincenzo Mattei

 

Dirigente scolastico

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Aprile 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30