Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Il centro storico sta morendo, chiuse molte attività. Politica assente

Mar 15, 2023 Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Pubblichiamo una riflessione di Vittorio Accapezzato, amministratore di Sezze negli anni '80/'90, sulla crisi ed il decadimento del centro storico di Sezze. La chiusura di molte attività negli ultimi anni deriva da molti fattori, tra cui l'assenza di un piano di rilancio e di atti di indirizzo politico-amministrativo volti a rivitalizzare il paesello.

______________

 

Il rischio c'è, il centro storico potrebbe desertificarsi. Il decadimento e l'abbandono è iniziato da diversi anni e prosegue. I progetti di rinascita ipotizzati sono morti sono strada facendo mentre il centro si spopolava giornalmente anche dei suoi esercizi commerciali di vicinato. Il centro, oggi, è privo non solo dei negozi ma anche del valore sociale che essi hanno rappresentato. Le botteghe di paese restano un punto di aggregazione sociale tra cittadini. La loro scomparsa quella del macellaio, del fruttivendolo, del panettiere, del lattaio, del profumiere, del droghiere hanno portato l'attuale degrado urbano nuocendo alla qualità della vita dei cittadini riducendo il paese solo dormitorio. Le famiglie rimaste in centro ,non avendo più il negozio sotto casa non escono più a piedi a fare la spesa , ma costrette a prendere la macchina per recarsi nei supermercati. In tutte le vie del centro c'è il "deserto", ma anche nelle piazze. Serrande che sono state abbassate e non vengono più rialzate. Vetrine e insegne buie, impolverate. Interi palazzi completamente abbandonati, trascurati e degradati E' la desolante scena che si trova davanti agli occhi chi attraversa le vie del centro. È un paese dove per acquistare un chilo di pane o della verdura si è costretto a prendere l'auto dirigersi al supermercato. Purtroppo è così. Percorrendo il centro storico troviamo solo queste attività: negozio di polli in via Umberto, una macelleria in via Fulvia, un fruttivendolo in via Garibaldi, un generi alimentari in via orfanotrofio, una libreria in via Roma, una tabaccheria in piazza IV novembre. I piccoli esercizi di vicinato gradualmente sono scomparsi. Essi rappresentavano nel loro piccolo, un pezzo dell'identità del paese. È la scomparsa di un servizio primario per i cittadini. Arginare il rischio desertificazione in questo pietoso scenario è fondamentale. La continua chiusura delle attività commerciali sono dati preoccupanti che evidenziano quanto la nostra città non attragga non venga più abitata. Cosa ci si propone per rivitalizzare il paese che di giorno in giorno sta morendo? Senz'altro bisognerà affrontare quanto prima il problema con fermezza e volontà politica prima di ritrovarci un paese desertificato. Bisogna varare, al più presto, un ''atto di indirizzo'' del Consiglio Comunale sulla rivitalizzazione del Centro Storico. Il rilancio potrà avvenire con un ''Piano Integrato'', con la ricetta per ridare ''capacità attrattiva'' al centro storico. Tale piano può essere realizzato da un gruppo di lavoro composto da membri degli assessorati (urbanistica, lavori pubblici etc) o mediante commissioni consiliari, assieme a operatori commerciali e associazioni di categoria. 

Nella foto Vittorio Accapezzato, amministratore di Sezze negli anni '80

Pubblicato in Attualità
Ultima modifica il Mercoledì, 15 Marzo 2023 09:27 Letto 719 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Giugno 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30