Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)


Si rinnova per il secondo anno consecutivo il riconoscimento di comune Plastic Free per Maenza. Il Comune Lepino è tra i sei Comuni del Lazio e tra i 111 italiani che lo scorso 9 marzo hanno ricevuto il prestigioso premio a Milano nella splendida e suggestiva cornice del teatro Carcano. Il  sindaco Sperduti si ritiene più che soddisfatto:” Ritirare il premio su quel palco assieme a città importanti come Milano Torino Verona Vicenza - ha affermato - è stata una grande emozione. Sentire nominare il nostro paese davanti ad una platea di 600 persone provenienti da tutta Italia è motivo di orgoglio per tutti e dico tutti noi maentini”. Il comune Lepino si è distinto in termini di virtuosità grazie all’ordinanza che vieta il lancio di palloncini ad elio, al passaggio dal monosuso a stoviglie in acciaio, piatti di ceramica e bicchieri di vetro nella mensa scolastica e ai numerosi eventi con i bambini e ragazzi messi realizzato in collaborazione con la Consulta Giovanile di Maenza! Eleonora Rossi, referente di Maenza aggiunge: ” Sono orgogliosa di aver insieme ad ogni maentino raggiunto questi traguardi e sento sempre più  il dovere morale di portare sempre piu in alto quello che è ormai diventato mio paese”; mentre per Gianfranco Iagnocco, referente di Maenza e vice provinciale di Latina, “ Plastic free è ormai diventata una grande famiglia  dove ognuno con un sorriso aiuta l’altro, dove tra di noi c’è stima e rispetto, dove mi sono sempre sentito uno di casa, dove stanno nascendo dei veri e propri rapporti di amicizia. Stiamo già lavorando a tanti progetti ed eventi in collaborazione anche con altri paesi perché lavoriate insieme è più bello, siamo infatti tutti responsabili del cambiamento e ogni cambiamento parte da noi, cerchiamo di essere la parte buona di questo mondo, per essere un esempio di chi non lo è ”.