Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

C'era una volta l'Estate Setina

Lug 11, 2022 Scritto da 

 

 

Non si è mai verificato, in passato, che l'Estate trascorresse senza un programma di iniziative culturali, sportive, ricreative da parte della Amministrazione comunale. Tutto è stato lasciato alle iniziative, alla creatività e alla buona volontà (che per nostra fortuna non manca!) dei gruppi locali, delle numerose Associazioni che hanno degnamente supplito a questa assenza e alla evanescente sponsorizzazione del Comune. Ben altro ci si attendeva dopo la interminabile quarantena dovuta alla pandemia. Ben altra aria si respirava in passato, con il Cartellone estivo pieno di iniziative e di attività rivolte ai bambini e ai giovani, nelle piazzette del Centro storico e nelle diverse contrade sempre pullulanti di cittadini a manifestare la soddisfazione di stare insieme, di partecipare, di godersi una serata tranquilla e serena. L'estate setina era nata non solo per la voglia dell'effimero, ma per spezzare la monotonia delle lunghe serate, per rinsaldare il vincolo dell'amicizia, per mettere in mostra le tante professionalità musicali, teatrali e artistiche locali, per attirare l'attenzione di turisti e di forestieri intorno alle tradizioni locali, alle nostre bellezze naturali, al nostro territorio a un passo dalla Sempreviva e non molto distante dal mare. C'era un'idea e un progetto per città e per i Monti Lepini, perché non diventassero periferia della pianura ma punto di riferimento e occasione di sviluppo ambientale e territoriale. Qui, da noi, invece, non si è trovato né il tempo né il denaro per festeggiare la festa dei Santi Patroni. Il Torneo internazionale Femminile di Tennis, in via Piagge Marine, ristrutturato e rimesso a nuovo dopo un lungo abbandono, resta un bel ricordo, a memoria delle tante atlete che hanno dato lustro e prestigio alla città e allo sport. "I soldi non ci sono", è stata la risposta degli amministratori, come se prima di soldi ce ne fossero a iosa e piovessero dal cielo. I soldi per la città vanno ricercati attraverso contatti istituzionali e attraverso le sponsorizzazioni di privati. Ma per ottenere ciò bisogna darsi da fare e faticare le famose sette camicie. La questione ancora una volta è politica. A metà luglio ancora non si mette mano al bilancio di previsione 2022 per definire un Piano di ammortamento dei debiti, di rientro dei crediti, di investimenti per il territorio. In assenza di una visione programmatica, che ha lo scopo di indirizzo e di coordinamento, ci si affida alla buona volontà delle Associazioni locali. L'estate non è solo la stagione del passatempo. È un periodo durante il quale si possono mettere in campo molte iniziative positive a favore dei ragazzi e degli anziani. Qualcuno aveva suggerito di aprire le Scuole, d'intesa con gli Istituti scolastici, per favorire il recupero e il potenziamento di alcune discipline, di consentire incontri e attività sportive per i ragazzi, dopo il disastro provocato dalla DAD e dalla pandemia. Qualcuno aveva suggerito di non lasciare soli i ragazzi disabili ma di coinvolgerli in iniziative concrete, di diffondere l'amore per il teatro e per la musica in tutte le contrade, di far rinascere la Ludoteca nei quartieri. L'elenco sarebbe troppo lungo ma forse inutile per chi non vuol sentire. A costoro si può ricordare che impegnarsi d'estate rientra nei doveri istituzionali e non preclude il diritto di andare in ferie, considerato che in Comune gli assessori possono avvicendarsi e accordarsi. Fatto sta che mentre gli altri Comuni si stanno caratterizzando con iniziative lodevoli e di richiamo, qui tutto scorre sottotono e in sordina. I cittadini meritano di più e hanno l'opportunità di valutare serenamente l'operato dell'Amministrazione e trarne le conclusioni. Non basta la poesia, per governare serve la prosa! Le questioni sono complesse e richiedono impegno, studio ed esperienza.

Pubblicato in La Terza Pagina
Ultima modifica il Lunedì, 11 Luglio 2022 07:31 Letto 581 volte
Vincenzo Mattei

 

Dirigente scolastico e pubblica amministrazione

Altro in questa categoria: « Un partito di lotta e di governo

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Agosto 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31