Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Preti sposati?

Nov 25, 2019 Scritto da 

 

 

 

Non siamo abituati a vedere celebrare la Messa da un prete con moglie e figli. Ma presto potrebbe accadere! L'abolizione del celibato ecclesiastico è stata votata dalla maggioranza dei Vescovi nel documento finale dei recente Sinodo sull'Amazzonia. Il documento sinodale chiede esplicitamente al Papa di valutare l'opportunità della ordinazione sacerdotale di uomini sposati "probati", possibilmente scelti tra i diaconi, che hanno già una famiglia stabile, in quelle zone dove c'è scarsità di preti. In Amazzonia, soprattutto, ma non solo. Un vescovo ha raccontato che in Amazzonia, per andare in tutte le sue parrocchie, deve fare anche mille chilometri in barca. In alcune parrocchie riesce ad andarci una volta ogni quattro anni. La notizia di preti sposati, qui da noi, desta stupore e meraviglia, ma è bene ricordare che la Chiesa cattolica ha da sempre avuto un clero sposato. Fin dalle origini del cristianesimo. Alcuni Apostoli erano sposati. Nel primo millennio d.C. era quasi una consuetudine. Nel secolo scorso, da Pio XII a Benedetto XVI, sono stati ordinati preti, anglicani sposati diventati cattolici. Nessuna rivoluzione, dunque! Il celibato ecclesiastico non è un dogma di fede. Ma una convenzione. Chi non è sposato fa una scelta di fede e di missione. Si preoccupa delle cose del Signore, di come possa piacere al Signore. Chi è sposato, invece, si preoccupa anche delle cose del mondo, di come possa piacere alla moglie e "si trova diviso" tra mondo celeste e mondo terrestre, come dice S. Paolo. Ma perché, ci si chiede, non si può essere innamorati di una donna e, contemporaneamente, di Dio? La famiglia di qua, la Chiesa di là. Ciò non è impossibile, ma è molto difficile. Essere preti non è un lavoro. E' un modo tutto particolare di affrontare la vita. Il prete è a tempo pieno e per questo è incompatibile con l'amore per una donna, una donna normale che vuole amare il prete e con lui la famiglia. Il prete entra in confidenza spirituale, in un rapporto di vicinanza con i fedeli. Di qui nascono alcune complicazioni. E se poi il prete sposato si innamora una seconda volta? E se, per motivi diversi, vuole o deve separarsi? E se non vuole mettere al mondo troppi figli? Può usare i metodi anticoncezionali?La questione è spinosa. Nel matrimonio si è in due. E non dimentichiamo i figli! Sarà Papa Francesco a dire l'ultima parola sull'abolizione del celibato. Sarà Papa Francesco a stabilire se, come e quando recepire l'apertura ai preti sposati fatta dai vescovi sinodali. Un altro elemento di frizione, questo, fra il clero  tradizionalista e Francesco! La tensione tra il Papa e una gran parte della Curia ha raggiunto il suo massimo, sicché Francesco deve tenere unita la più larga maggioranza possibile dell'Episcopato che privilegia l'azione pastorale e missionaria da lui fortemente perseguita. Lunga vita a Papa Francesco!

Etichettato sotto Preti sposati?    vincenzo mattei   
Pubblicato in La Terza Pagina
Ultima modifica il Lunedì, 25 Novembre 2019 06:46 Letto 362 volte
Vincenzo Mattei

 

Dirigente scolastico

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Calendario

« Febbraio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29