Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie, per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

La Sezze che ci piace, grande successo ieri alla "Cimasa digli Amore Meo"

Ago 11, 2019 Scritto da 
Vota questo articolo
(4 Voti)

La Sezze che piace. La Sezze che collabora e vive e vuole vivere intensamente le sue tradizioni. La Sezze che condivide e che ricorda il passato e la storia. Si è concluso con successo di pubblico e commenti positivi l’evento popolare firmato dall’associazione culturale Setia Plena Bonis e dalla Compagnia teatrale Nemeo. Ieri sera è andato in scena un evento unico, originale, uno spettacolo dove gli stessi cittadini sono stati protagonisti. “La Cimasa digli Amore meo” inserita nel calendario dell'Estate Setina è stato uno spettacolo che ha coinvolto tre generazioni di sezzesi, tutti intensamente uniti per rivivere e vivere in diretta emozioni e ricordi di una Sezze che sta scomparendo. Grazie alla compagnia teatrale Nemeo, alla pièce teatrale scritta da Anna Maria Bovieri con la regia di Luigi Costantini, la comunità setina ha preso parte ad un matrimonio popolare esilarante ma anche molto emozionante. Una storia semplice, genuina e schietta come le radici della comunità setina, una comunità che ieri ha dimostrato di tenere molto ai suoi valori e alle sue tradizioni. L’idea e l’organizzazione generale dell’intera iniziativa è di Valentina Savelli dell’associazione culturale Setia Plena Bonis, sodalizio diventato ormai punto di riferimento per eventi popolari e fortemente legati alla storia della nostra comunità. “Sezze vuole riscoprire e valorizzare la sua storia, il suo passato, le sue tradizioni popolari e ieri ha dimostrato ancora una volta di esserne all’altezza. Siamo orgogliosi e felici di aver coinvolto un intero quartiere - ha detto il presidente di Setia Plena Bonis Alessandro Mattei -  è stato un evento unico che resterà nella memoria di molti, soprattutto nei ricordi dei nostri figli e delle future generazioni. Siamo parte di una comunità che sa riconoscere e scegliere i veri valori, che dobbiamo custodire e rilanciare per evitare che siano cancellati per sempre. A nome di tutti ringraziamo tutti coloro che volontariamente e con entusiasmo hanno lavorato per noi e con noi. Grazie a tutti”.

Etichettato sotto sezze    la cimasa digli amore meo    compagnia nemeo    setia plena bonis    estate setina   
Pubblicato in Eventi Culturali
Ultima modifica il Domenica, 11 Agosto 2019 10:28 Letto 976 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Torna l'Omaggio alla Ficorappizza, con il Palio delle Carrozze dedicato a Rosolino Trabona

     

    Torna l'Omaggio alla Ficorappizza. L'associazione culturale Setia Plena Bonis, dopo il successo dell'Evento "La Cimasa digl'Amore meo", il 24 e 25 agosto presso la Piazza di Santa Maria, dedicherà una due giorni ad uno dei frutti che simbolicamente fanno parte delle tradizione popolare di Sezze. La seconda edizione delle Ficorappizza (Fico d'India) sarà ricca di appuntamenti ed iniziative che rievocheranno la storia della comunità setina. Intorno a questo frutto coltivato dai nostri nonni il sodalizio setino ha realizzato una manifestazione che, oltre a promuovere spettacoli e cultura, sarà anche l'occasione per far degustare il frutto grazie a varie ricette. Si inizia Sabato 24 agosto con il torneo di calcetto "Santa Maria Cup" alle ore 18; alle ore 19 in piazza del Duomo laboratori ludici e giochi popolari. Alle ore 20.30 dimostrazione hip hop con gli atleti della palestra Setia Sport, mentre alle ore 21 in scena una inedita commedia dal titolo "'No figlio a Parigi" con Monica Bernabei e Vittorio Faustinella. Alle 21.30 in programma la festa dei fiori e alle 22 grande attesa per il concerto dei "Ukus in Fabula", successi internazionali arrangiati con ukulele. Domenica 25 agosto invece si inizia con la finale del torneo prevista per le ore 16. Alle 17 grande novità con il Palio delle Carrozze tra Contrade su via Matteotti. 10 scuderie lotteranno per conquistare il 1° Trofeo Rosolino Trabona, l'indimenticabile educatore, studioso del gioco e fondatore delle ludoteche nazionali morto prematuramente 17 anni fa. Alla sua memoria, all'indelebile ricordo di un amico che ha cresciuto generazioni, è dedicato l'evento. Alle 19 è prevista la premiazione del Trofeo con la sfilata delle Iris majorettes. Alle 21 esibizione del coro delle voci bianche Cimasine, con brani popolari, mentre Alle 22 grande finale con il duo musicale FMP ed estrazione delle lotteria a premi.  La manifestazione gode del Patrocinio del Comune di Sezze ed è stata inserita nel calendario dell'Estate Setina 2019. 

  • Sabato 17 la cerimonia per il ritorno a Sezze delle Suore Collegine

     

    "Sabato 17 agosto alle ore 18.30, nella cattedrale di Santa Maria, il vescovo diocesano mons. Mariano Crociata presiederà, in occasione dell’anniversario della dedicazione della Cattedrale setina (avvenuta il 18 agosto), una solenne celebrazione eucaristica per l’apertura della comunità di Sezze delle Suore Collegine della Sacra Famiglia. La celebrazione sarà animata dalla Corale San Carlo da Sezze diretta dal Maestro Andrea Gianolla. Al termine della celebrazione, presso il Conservatorio “Corradini” si svolgerà un momento di preghiera per la benedizione dei locali della nuova casa religiosa.  Saranno presenti Madre Eleonora Alongi, superiora generale delle Suore Collegine della Sacra Famiglia con una rappresentanza delle suore della Congregazione; l’assessore Andrea Campoli, in rappresentanza della Città di Sezze ed Ernesto Carlo Di Pastina presidente del Conservatorio Corradini con il consiglio di amministrazione.  L’evento si svolge a 302 anni esatti dall’inizio delle attività a Sezze delle suore fondate dal card. Corradini e chiamate allora “Convittrici della Sacra Famiglia” e che proprio il 17 agosto 1717 diedero inizio alle attività scolastiche nei locali che sarebbero poi diventati il Conservatorio Corradini". 

    Comunicato Stampa Presidente Conservatorio Corradini

     

  • Nessuno ha cacciato da Sezze le suore del Bambin Gesù

     

     

     

    All'Istituto Corradini di Sezze le Suore Collegine della Sacra Famiglia subentrano alle suore del Bambin Gesù. Le Collegine della Sacra Famiglia, fondate dal cardinale Corradini, fin dalla fondazione dell'Ordine, avvenuta nella seconda metà del 1700, hanno svolto la loro missione educatrice nell'Istituto in via Corradini a Sezze. Nell'anno 1927, a causa della lontananza della loro Casa Generalizia a Palermo e per la scarsità di suore del luogo, la madre superiora Giuseppina Tufo si rivolse al cardinale Vanvitelli per cercare di reperire suore di altri Ordini e poter continuare così l'opera educatrice e religiosa. L'invito fu accolto dalle suore del Bambin Gesù, con sede a Roma, che si misero a disposizione e vennero a Sezze. Era l'anno 1927. Successivamente fu tentato un sodalizio "canonico" tra i due Ordini di suore ma non fu raggiunto alcun accordo. Nel corso degli anni le suore del Bambin Gesù, divenute un punto di riferimento importante per la città di Sezze e per il territorio circostante, cominciarono a rivendicare la proprietà dell'Istituto, appellandosi al giudice. Erano i primi anni del 1990. Il Ministero della Pubblica Istruzione, titolare dell'Ente, (voglio ricordare che il Comune di Sezze non c'entra nulla in questa vicenda), si oppose e in diversi gradi di giudizio ottenne la conferma delle sue ragioni: siamo nell'anno 2014. A causa, poi, di errori di trascrizione dell'atto della Cassazione, la questione si definisce l'anno scorso. Nessun potere occulto, in questi giorni, ha cacciato le suore del Bambin Gesù. L'anno scorso la Superiora generale del Bambin Gesù, prendendo atto della sentenza della Cassazione, e constatata l'impossibilita di continuare la rivendicazione della proprietà dell'Istituto, decide di andar via. Con sommo rammarico e gratitudine di chi è stato sempre al fianco delle suore del Bambin Gesù e che, in tempi  non sospetti, ha frequentato l'asilo e ha fatto frequentare la scuola elementare alla propria figlia, accolta con amore e dedizione. Questa è la verità. Questi i fatti. Il resto è frutto dell'ignoranza o della maldicenza. Per fortuna sono pochissimi, su questa vicenda, a parlare a vanvera. Il tempo è galantuomo! Ora è tempo di rimboccarsi le maniche affinché le suore Collegine si sentano subito  a loro agio e continuino a svolgere la missione educatrice come prima, anzi  meglio di prima.

  • Sezze. 530 mila euro per ampliare la raccolta differenziata

     

     

    Il comune di Sezze è stato riconosciuto meritevole di accoglimento di un importante finanziamento destinato alla raccolta differenziata. Sezze infatti rientra nel bando di 11,5 milioni di euro che la Provincia di Latina ha destinato con istruttoria a diversi Comuni che hanno presentati progetti in merito. Per il Comune di Sezze saranno disponibili 530.000 euro di cui 285.000 per spese correnti e 245.000 per spese in conto capitale. E’ una occasione importante per ampliare la raccolta differenziata su tutto il territorio comunale e punto di svolta per incrementare le percentuali ancora basse (scarso 23 %) di differenziata. L’importante finanziamento è stato assegnato anche all'impegno del consigliere comunale Giovanni Bernasconi, ai tempi del suo incarico di consigliere provinciale del Pd. Si spera che sia la volta buona affinché anche Sezze possa far parte di quei paese che con rettitudine e sensibilità verso l’ambiente sanno differenziare i rifiuti solidi urbani e non inquinare il territorio dove vivono. Anche per questa ragione nella nota del comune di Sezze si invitano i cittadini alla collaborazione. “Con l'aiuto di voi cittadini potremmo dare una sterzata importante alla raccolta differenziata e al decoro del paese. Un paese è pulito se tale lo mantengono i propri cittadini”.

  • Nuova denuncia di SBC: discariche e roghi tossici in pianura

     

     

    E’ da oltre un anno che le consigliere comunali di Sezze Bene Comune chiedono un tavolo tecnico in merito al fenomeno dei roghi in pianura a Sezze Scalo. Lo hanno fatto con una lettera il 20 febbraio 2018 indirizzata al Sindaco, al Presidente del Consiglio, all’Assessore all’Ambiente e al Presidente della Commissione Urbanistica e Ambiente. Niente… parole scritte al vento. Nel marzo del 2019, poi, con i consiglieri comunali di Biancoleone, venne inviata una missiva al sindaco Sergio Di Raimo per chiedere una mappatura delle discariche abusive in pianura e per sollecitare maggiori controlli. Niente, carta straccia. Nessuna risposta. Adesso Rita Palombi ed Eleonora Contento ci riprovano presentando una nuova interrogazione indirizzata a tutti i responsabili del servizio di controllo e di raccolta rifiuti, perché il fenomeno dei rifiuti abbandonati è sfuggito di mano così come i roghi tossici accesi nella notte in campagna. “Esistono continue denunce da parte di cittadini esasperati dalla situazione in cui sono costretti a convivere 24 ore al giorno. Ultima denuncia sui social riguarda via Sandalara. Chiediamo – si legge nell’interrogazione - un immediato intervento al fine di rimuovere la pericolosa discarica denunciata e di prendere seri provvedimenti per evitare situazioni di grave pericolo per l’incolumità e sicurezza pubblica".

    un rogo acceso in pianura a Sezze Scalo

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.